Allineamento ottico completato per il James Webb Space Telescope

Rappresentazione del James Webb Space Telescope e un'immagine ripresa dallo strumento MIRI

Il grande e nuovo telescopio spaziale, lanciato lo scorso 25 dicembre 2021, è stato ufficialmente dichiarato pronto per passare alla fase di commissionamento degli strumenti scientifici, ultimo passo prima della completa operatività.

La fase di allineamento ottico era iniziata all’inizio di febbraio, subito dopo l’arrivo nell’orbita operativa intorno al punto lagrangiano L₂ del sistema Terra-Sole e l’accensione di tutti gli strumenti di bordo. In questi tre mesi i 18 segmenti che compongono lo specchio primario sono stati gradualmente collimati fino a formare un’unica immagine a fuoco e grazie all’azione del grande schermo riflettente che mantiene costantemente in ombra gli elementi, era anche iniziato il graduale raffreddamento del telescopio.

Stato attuale delle temperature del JWST. Credit: Where is Webb

L’azione riflettente dello schermo, che impedisce alle radiazioni del Sole, della Terra, della Luna e dei sistemi di controllo del telescopio stesso, di raggiungere gli strumenti scientifici, è sufficiente a mantenere la temperatura dello specchio a −223 °C (50 K) e tre dei quattro strumenti scientifici a circa −235 °C (39 K).
Il quarto strumento, MIRI (Mid-InfraRed Instrument), per poter rilevare radiazioni comprese tra i 5 e 28 micron, deve trovarsi all’incredibile temperatura di −267 °C, a soli 6 K dallo zero assoluto (−273,15 °C). Questa temperatura viene mantenuta grazie a un cryocooler che utilizza elio come gas refrigerante, che tra tutti gli elementi chimici è quello con il punto di ebollizione più basso (−268,91 °C).

La qualità ottica raggiunta dal telescopio ha superato ogni ottimistica previsione, i segmenti perfettamente collimati concentrano la più flebile radiazione infrarossa verso ciascuno strumento con un dettaglio giudicato al limite del fisicamente possibile rispetto alla dimensione dello specchio.

Comparazione tra un’immagine della sonda WISE e una delle prime del JWST

L’attenzione del team che gestisce il JWST presso lo Space Telescope Science Institute (STScI) di Baltimora nel Maryland, lo stesso che controlla lo Hubble Space Telescope e che controllerà il Nancy Grace Roman Space Telescope (ex WFIRST) verso la fine di questo decennio, si è ora spostata sulla messa in esercizio definitiva degli strumenti scientifici.

Ciascuno strumento è altamente sofisticato e dotato di filtri, maschere e altri equipaggiamenti unici che nelle prossime settimane dovranno essere testati in tutte le configurazioni possibili e dichiarati pronti all’utilizzo.
Il processo di commissionamento degli strumenti scientifici durerà un paio di mesi, dopodiché, a inizio estate, inizierà la tanto attesa missione scientifica in cui il JWST osserverà l’universo con una risoluzione finora mai vista.

Fonte: NASA.

  Questo articolo è © 2006-2022 dell'Associazione ISAA - Licenza

Commenti

Commenta e approfondisci su ForumAstronautico.it

Simone Montrasio

Appassionato di astronautica fin da bambino, gli studi e il lavoro mi hanno tenuto occupato nel settore chimico industriale fino al 2011 quando ho deciso di cambiare completamente vita e dedicarmi alla campagna. Collaboro felicemente con AstronautiNEWS dalla sua fondazione con una pausa sabbatica tra il 2011 e il 2013.