Il James Webb Space Telescope è finalmente in orbita

Il momento del decollo a bordo dell'Ariane 5. Credit: ESA

La missione del nuovo telescopio spaziale NASA è iniziata oggi alle 13:20 ora italiana, quando il vettore Ariane 5 ECA+ (VA256) fornito dall’agenzia spaziale europea ESA, è decollato con successo dallo spazioporto di Kourou nella Guiana francese.

Dopo le ultime operazioni e il rifornimento dei combustibili, il countdown sulla rampa ELA-3 è trascorso senza nessun imprevisto e il lancio è avvenuto all’ora prevista. Due minuti e 21 secondi dopo si sono separati regolarmente i due booster laterali del vettore, mentre il propulsore Vulcain dello stadio centrale ha continuato a spingere regolarmente. Il secondo stadio si è separato a +8’48” e, dopo una programmata leggera perdita di quota, ha accelerato il JWST per i successivi 16 minuti.

La prima immagine del JWST nello spazio, ricevuta a Terra subito dopo la separazione del fairing protettivo. Credit: NASA TV

Finalmente alla quota di 1.383 km, sulla verticale di Malindi in Kenya, e 9,58 km/s di velocità, il telescopio si è separato dal secondo stadio per iniziare il suo allontanamento dalla Terra in direzione opposta al Sole.
4 minuti dopo la separazione, inquadrato dalla telecamera del secondo stadio esausto, si sono dispiegati correttamente i moduli fotovoltaici, primo importante passo per l’operatività del telescopio.

Il JWST ripreso pochi istanti dopo la separazione dal 2º stadio. Credit: NASA TV

Nelle prossime ore inizierà la sequenza di dispiegamento dei componenti del telescopio, la più complessa mai effettuata in una singola missione spaziale, che si concluderà tra meno di un mese con l’arrivo nella posizione operativa, con il JWST che orbiterà stabilmente intorno al secondo punto di Lagrange (L₂) del sistema Terra-Sole, a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra.

La traiettoria del JWST. Credit: ESA

Con il lancio e l’inizio della missione si conclude quindi la travagliata storia della progettazione, sviluppo, realizzazione e assemblaggio del più grande e costoso telescopio spaziale, la cui origine risale al 1996 in piena era faster, better, cheaper (più veloce, migliore e più economico), motto dell’allora amministratore NASA Dan Goldin (1992–2001). Purtroppo questo non risultò completamente vero per il JWST, il cui lancio di oggi è stato rimandato innumerevoli volte negli ultimi 14 anni e il cui costo è lievitato esponenzialmente passando dai 500 milioni di dollari iniziali ai quasi 10 miliardi attuali.

Il viaggio del JWST può essere seguito in tempo reale sul nuovo sito web Where Is Webb.

  Questo articolo è © 2006-2022 dell'Associazione ISAA - Licenza

Commenti

Commenta e approfondisci su ForumAstronautico.it

Simone Montrasio

Appassionato di astronautica fin da bambino, gli studi e il lavoro mi hanno tenuto occupato nel settore chimico industriale fino al 2011 quando ho deciso di cambiare completamente vita e dedicarmi alla campagna. Collaboro felicemente con AstronautiNEWS dalla sua fondazione con una pausa sabbatica tra il 2011 e il 2013.