L’India raggiunge la Luna con Chandrayaan-3 ed entra nella storia

Telemetria e immagini in diretta dalla Luna all'inizio della fase finale di atterraggio di Chandrayaan-3. Credits: ISRO

Il lander della missione Chandrayaan-3 è allunato con successo oggi 23 agosto alle ore 14:32 italiane nei pressi del cratere Manzinus U, proiettando l’India nella storia dell’astronautica come quarta nazione a compiere questa impresa dopo Stati Uniti, Unione Sovietica e Cina.

La manovra di atterraggio è consistita di tre fasi principali: nella prima è stata ridotta la velocità orizzontale scendendo di quota da 30 a circa 7 km. La seconda fase ha visto un’ulteriore frenata che ha ridotto la quota a 800 metri. A quel punto è iniziata la terza e ultima fase, la delicata discesa finale affidata ai sensori e al software di bordo.

La zona designata di atterraggio di Chandrayaan-3. Credits: Arizona State University – LROC

Tutto è andato come previsto, mentre i dati di telemetria e frequenti foto riprese dalle telecamere di atterraggio giungevano ininterrotte a Terra, grazie alla copertura delle antenne indiane e alla disponibilità di ESA e NASA di garantire un ascolto in parallelo come backup in caso di noie tecniche.

L’allunaggio di Chandrayaan-3 è stato un vero trionfo per l’India, avvenuto sotto lo sguardo severo del primo ministro Narendra Modi collegato in diretta dal Sudafrica, dove si trovava per il vertice BRICS.

Il touchdown è avvenuto nel tripudio generale degli addetti ai lavori, mentre la regia indugiava a lungo sul primo ministro affiancato all’animazione del lander Vikram sulla superficie selenica. È stato anche grazie al suo applauso in diretta che si è avuta la certezza dell’avvenuto allunaggio.

Narendra Modi applaude l’allunaggio di Chandrayaan-3. Credits: ISRO

Il viaggio di Chandrayaan-3 è iniziato lo scorso 14 luglio con un lancio a bordo del razzo indiano LVM3. La sua orbita iniziale, estremamente ellittica, è stata via via alzata fino a quando il complesso rappresentato da orbiter e lander non è stato catturato dall’attrazione gravitazionale lunare. Una serie di manovre correttive hanno poi portato la sonda nella giusta posizione orbitale e assetto per dare il via all’allunaggio di oggi.

Il lancio di Chandrayaan-3 dallo Satish Dhawan Space Centre. Credits: ISRO

Nei prossimi giorni, oltre agli studi che saranno effettuati con gli strumenti del lander, è previsto il rilascio di un piccolo rover semovente, che rappresenterà un ulteriore passo storico per le capacità spaziali dell’India.

L’energia per le attività di lander e rover è generata da pannelli fotovoltaici, e questo limiterà la vita operativa di Chandrayaan-3 alle due settimane del dì selenico. Non sono infatti presenti i tipici meccanismi di riscaldamento (ad es. generatore a radioisotopi) che avrebbero evitato che l’altrettanto lunga notte lunare danneggiasse irrimediabilmente gli apparati di bordo.

Chandrayaan-3 è la missione successiva a Chandrayaan-2, con la quale l’India vuole dimostrare la capacità di lanciare sonde in orbita e sulla superficie lunare, e di esplorarla grazie a un rover.

Il “treno spaziale” lanciato dall’ISRO è costituito dal modulo di propulsione, che resterà in orbita, e dalla configurazione lander+rover. Il modulo di propulsione monta lo strumento SHAPE, per studiare le misurazioni spettrali e polarimetriche della Terra dall’orbita lunare.

Il payload del lander è costituito dai seguenti strumenti:

  • Chandra’s Surface Thermophysical Experiment (ChaSTE) per misurare la conduttività termica e la temperatura della Luna;
  • Instrument for Lunar Seismic Activity (ILSA) per la misurazione della sismicità attorno al sito di atterraggio;
  • Langmuir Probe (LP) per stimare la densità del plasma e le sue variazioni;
  • Retroriflettori laser passivi della NASA, per studi sulla portata del laser lunare.

Anche il rover Pragyan ha un suo corredo di strumenti scientifici:

  • Alpha Particle X-ray Spectrometer (APXS), uno spettrometro a raggi X a particelle alfa;
  • Laser Induced Breakdown Spectroscope (LIBS) per ricavare la composizione degli elementi chimici rilevati in prossimità del sito di atterraggio.

Il grande successo tecnico e politico di Chandrayaan-3 è in contrasto con le mancate ambizioni della Russia, che praticamente in contemporanea con la sonda indiana ha raggiunto l’orbita lunare con Luna-25. Quest’ultima ha però fallito la manovra di discesa che un paio di giorni fa avrebbe dovuto portarla al polo sud lunare in anticipo sugli indiani e si è schiantata al suolo, fuori controllo.

In attesa delle prime immagini dalla superficie della Luna, è possibile rivivere la telecronaca diretta con questo video ISRO. Seppure prevalentemente in Hindi, è presente una traduzione successiva in inglese.

Per seguire nei prossimi giorni l’evolversi delle due settimane di lavoro previste per Chandrayaan-3 vi consigliamo di tenere d’occhio la discussione dedicata su Forumastronautico.it.

Fonte: ISRO

  Questo articolo è © 2006-2024 dell'Associazione ISAA, ove non diversamente indicato. Vedi le condizioni di licenza. La nostra licenza non si applica agli eventuali contenuti di terze parti presenti in questo articolo, che rimangono soggetti alle condizioni del rispettivo detentore dei diritti.

Commenti

Discutiamone su ForumAstronautico.it

Marco Zambianchi

Spacecraft Operations Engineer per EPS-SG presso EUMETSAT, ha fatto parte in precedenza dei Flight Control Team di INTEGRAL, XMM/Newton e Gaia. È fondatore di ForumAstronautico.it e co-fondatore di AstronautiCAST. Conferenziere di astronautica al Planetario di Lecco fino al 2012, scrive ora su AstronautiNEWS ed è co-fondatore e consigliere dell'associazione ISAA.