Riprendono i voli di SpaceShipTwo

Space Ship Two. Credit: Virgin Galactic

Virgin Galactic ha annunciato che nella seconda metà di febbraio SpaceShipTwo tornerà in volo, a due mesi dal lancio precedente interrotto per un problema tecnico. La finestra di lancio si aprirà il 13 febbraio ma il giorno esatto del test dipenderà dalle condizioni meteo che graveranno sullo Spaceport America, nel New Mexico.

Questo volo di collaudo verrà effettuato con i soli due piloti, oltre a un payload di ricerca per il programma Flight Opportunities della NASA. L’obiettivo sarà superare gli 80 chilometri di altitudine, ripetendo il volo del 13 dicembre 2018 che era però decollato dal Mojave Air and Spaceport, in California.

Virgin Galactic aveva provato questo collaudo lo scorso 12 dicembre. Il volo si era svolto regolarmente fino al raggiungimento della quota prestabilita al rilascio dello spazioplano dal vettore madre. Qualche istante dopo il distacco da WhiteKnightTwo, il motore a razzo di SpaceShipTwo si era acceso come previsto per spegnersi però pochi secondi dopo. SpaceShipTwo interruppe la missione e atterrò in piena sicurezza sulla pista dello Spaceport America.

L’azienda ha dichiarato che, al momento dell’accensione del motore a razzo, un computer di bordo aveva perso la connessione e per sicurezza il motore si era spento. «Da allora sono state condotte le analisi delle cause del malfunzionamento e applicati i correttivi necessari affinché questa anomalia non si ripeta in futuro», ha affermato un portavoce della società in concomitanza dell’annuncio di ripresa dei voli, senza però rivelare ulteriori dettagli.

Come per il test di dicembre, anche questo volo vedrà la partecipazione del solo personale essenziale, senza media o ospiti presenti, decisione giustificata anche dalle restrizioni dovute a prevenire il contagio e la diffusione del COVID-19.

Nel corso di una comunicazione finanziaria dello scorso novembre, Virgin Galactic aveva dichiarato che avrebbe effettuato tre voli di collaudo – gli ultimi – prima di avviare il servizio commerciale. Il primo volo con i soli due piloti a bordo e il secondo con due piloti e quattro dipendenti aggiuntivi per collaudare l’interno della cabina durante l’esperienza di assenza di peso. Il terzo dovrebbe vedere a bordo di SpaceShipTwo il fondatore dell’azienda, Richard Branson, in quello che sarà identificato come il primo volo commerciale della compagnia.

Con l’annuncio di novembre Virgin Galactic riteneva di poter effettuare il secondo e il terzo volo nel primo trimestre del 2021. La compagnia non ha ancora aggiornato il programma precedentemente annunciato. La società terrà la prossima call finanziaria, legata al rilascio dei risultati economici del quarto trimestre e dell’intero anno, il prossimo 25 febbraio. Per quella data sarà forse annunciato il nuovo calendario voli.

Fonte: Space.com

  Questo articolo è © 2006-2021 dell'Associazione ISAA - Alcuni diritti riservati.

Commenti

Commenta e approfondisci su ForumAstronautico.it

Marco Carrara

Da sempre appassionato di spazio, da piccolo sognavo ad occhi aperti guardando alla televisione le gesta degli astronauti impegnati nelle missioni Apollo, crescendo mi sono dovuto accontentare di una più normale professione come sistemista informatico in una banca radicata nel nord Italia. Scrivo su AstronautiNews dal 2010; è il mio modo per continuare a coltivare la mia passione per lo spazio.

Una risposta

  1. MayuriK ha detto:

    Daje che manca davvero poco ai voli con equipaggio pagante!
    Spero il business regga e sia profittevole.