L-358: Ho passato la mattina nell’astronave di Alex

La verifica di accettazione di una Soyuz presso gli stabilimenti RSC Energia di Korolev, in Russia. Fonte: RSC Energia
La verifica di accettazione di una Soyuz presso gli stabilimenti RSC Energia di Korolev, in Russia. Fonte: RSC Energia

Dal Diario di bordo di Samantha Cristoforetti:

Star City (Mosca, Russia), 2 dicembre 2013—Un inizio piuttosto emozionante della mia sessione di addestramento di tre settimane a Star City! Insieme con il mio comandante Anton, ho avuto l’opportunità di effettuare una verifica di accettazione della Soyuz 713. È il veicolo spaziale del mio collega Shenanigan Alex per il suo volo Soyuz TMA-13M verso la ISS nel maggio dell’anno prossimo, insieme con Max e Reid.

La verifica di accettazione di una Soyuz presso gli stabilimenti RSC Energia di Korolev, in Russia. Fonte: RSC Energia

La verifica di accettazione di una Soyuz. Fonte: RSC Energia

Avere l’opportunità di andare è stata una sorpresa inaspettata! Il più delle volte partecipano solo i cosmonauti russi, perché il ritmo di produzione e il programma dei nostri viaggi di addestramento non si armonizzano necessariamente.

Ma questa volta è successo e così Anton e io abbiamo passato la mattinata all’interno del modulo orbitale e del modulo di discesa, che vengono uniti uno sull’altro presso gli stabilimenti Energia a Korolev, alla periferia di Mosca. Con l’aiuto degli specialisti, abbiamo seguito una lunga checklist di cose da verificare, dalle cinghie del cargo ai comandi delle valvole all’accessibilità della cartucce di purificazione della CO2 sotto il sedile di destra. Naturalmente Anton è un comandante di Soyuz veterano, ma per me è stata la prima occasione per “sentire” una Soyuz reale, nuova di zecca e destinata allo spazio!

Più tardi nella mattinata siamo stati affiancati dagli specialisti di Svezda, il produttore dei seggiolini. Hanno messo al sicuro le cariche pirotecniche dei seggiolini e collegato una fonte esterna di aria pressurizzata, in modo che potessimo provare l’estensione dei seggiolini dalla consueta posizione bassa alla posizione superiore “armata”. In un profilo di volo reale, i seggiolini vengono alzati prima dell’atterraggio per consentire lo smorzamento dell’impatto.

Sfortunatamente non ci è stato permesso di fare foto, ma sul sito di Energia ho trovato queste due foto di una verifica simile l’anno scorso. Notate il copricapo alla moda!

Nota originale in inglese, traduzione italiana a cura di Paolo Amoroso—AstronautiNEWS. Leggi il Diario di bordo di Samantha Cristoforetti e l’introduzione.

Samantha Cristoforetti

Dal 2009 è un’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Il lancio della sua prima missione, in cui trascorrerà circa sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale, è previsto per il 24 novembre 2014. È inoltre un ufficiale pilota dell’Aeronautica Militare Italiana con il grado di Capitano.

Una risposta

  1. alberto piechele ha detto:

    Sapete dirmi a che temperatura arriva l’interno del modulo di discesa della Soyuz quando rientra nell’ atmosfera, posto che in condizioni normali l’interno del modulo è di 20 c° e la pressione è al livello del mare e che lo scudo termico può arrivare alla temperatura di 1600 c°? Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.