Attracco in modalità manuale per la Progress con i doni natalizi

 

E’ toccato al Comandante dell’International Space Station Oleg Kotov, assumere il controllo manuale della capsula cargo russa Progress Venerdì 29 Novembre, mentre era in avvicinamento al complesso spaziale per agganciarsi al modulo di comando Zvezda, dopo una fase di rendezvous durata 4 giorni. Solitamente la manovra di avvicinamento ed aggancio si svolge autonomamente grazie al sistema automatico Kurs, ma un problema tecnico non meglio definito ha costretto l’equipaggio dell’Expedition 38 ad intervenire.

La Progress 53/M-21M era decollata dal Cosmodrmo di Baikonur in Kazakhstan alle 21:53 italiane di Lunedì 25 Novembre . Il suo carico era composto da 800 kg di propellente, 22 kg di ossigeno, 26 kg di aria, 420 di acqua e 1415 kg di pezzi di ricambio, equipaggiamento scientifico, e regali per l’equipaggio in vista delle imminenti festività natalizie.

Normalmente i vascelli cargo Progress impiegano due giorni per raggiungere la Stazione, ma in questa occasione i controllori del volo russi hanno previsto ulteriori due giorni da utilizzare per l’esecuzione di tests sull’aggiornamento attuato al sistema automatico di rendezvous KURS della capsula stessa. Nella fattispecie, le quattro antenne per la navigazione ed il posizionamento sono state sostituite con una sola.

Mercoledì la M-21M ha superato la Stazione, passando ad una distanza di circa 1600 metri dal complesso per dare agli ingegneri russi come detto, la possibilità di testare il sistema KURS aggiornato. Nel frattempo Kotov ha monitorato il flusso di dati provenienti dalla Progress con il suo computer portatile, mentre lo spacecraft dopo aver superato l’ISS, si è lasciato da essa superare in vista del docking di Venerdì.

Le fasi finali del rendezvous automatico sembravano proseguire senza intoppi Venerdì, ma ad una distanza di circa 60 metri, la Progress è sembrata fermarsi entrando inaspettatamente in modalità di “station-keeping”, mantenendosi ad una distanza di sicurezza dall’ISS. A questo punto i controllori hanno chiesto a Kotov di assumere il controllo manuale tramite il sistema di controllo tele-robotico TORU situato nel modulo Zvezda, utilizzando lo schermo di un computer ed un joystick per guidare la capsula in avvicinamento.

I cosmonauti russi sono sempre pronti in standby ad assumere il controllo manuale delle operazioni qualora il sistema automatico dovesse avere dei problemi. In quest’ultimo caso non vi è stata una spiegazione immediata sul fattore che ha costretto l’attivazione del sistema manuale e sul fatto che potesse essere collegato ai recenti aggiornamenti del sistema KURS.

Ciononostante, Kotov non ha avuto problemi a guidare la Progress e a farla agganciare al boccaporto del modulo Zvezda alle 23:30 italiane di Venerdì, mentre l’intero complesso spaziale stava sorvolando il Kazakhstan ad una quota di 418 km.

 

Fonte: SpaceflightNow.com

 

 

 

Nell’immagine in evidenza, il Comandante dell’Exp. 38 Oleg Kotov il 22 Nvembre si esercita con il sistema di guida tele-robotico TORU. Image credit: NASA TV.

 

Luca Frigerio

Impiegato nel campo delle materie plastiche e da sempre appassionato di spazio. E' iscritto a forumastronautico.it dal Novembre 2005 e da diversi anni sfoga parte della sua passione scrivendo per astronautinews.it. E' consigliere dell'Associazione Italiana per l'Astronautica e lo Spazio (ISAA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.