ISS Daily Report – Venerdì 16 Luglio 2010

ISS Daily Report Venerdì 16 Luglio 2010

Come step di preparazione a EVA-25, Mikhail Kornienko e Fyodor Yurchikhin hanno eseguito nell’area preposta in SM, una sessione che raggruppa diversi controlli medici nei quali ci si assiste l’un con l’altro.

Shannon ha supportato POIC (Payload Operations Integration Center/Huntsville) che sta analizzando l’equipaggiamento MSG in Columbus, dal momento che a breve verrà avviato l’esperimento SAME (Smoke Aerosol Measurement Experiment). L’astronauta ha poi lavorato alla strumentazione VCAM (Vehicle Cabin Atmosphere Module), vicina all’unità ORU. Shannon aveva aperto la stessa valvola alcuni giorni fa senza riscontrare alcun problema, ora però la stessa valvola è stata chiusa in anticipo, dal momento che VCAM ha manifestato un riscaldamento anomalo e che ha causato un ritardo nel test di calibrazione. Il JPL ha sviluppato VCAM per identificare gas presenti in quantità minime all’interno dello spazio abitabile della Stazione. Concentrazioni minime che possono però, in caso di esposizioni durature, creare dei problemi all’organismo umano. L’obiettivo è di mettere a punto questo equipaggiamento, in grado di monitorare i futuri veicoli che serviranno per esplorazioni di lunga durata. VCAM è molto sofisticato, utilizza un gascromatografo e un spettrometro di massa.

Wheelock si è dedicato alla preparazione dell’intervento su OGA (il generatore di Ossigeno), organizzandosi con gli attrezzi e i ricambi e iniziando, una parte delle disconnessioni da eseguire su OGA.

Alexander si è ancora dedicato al trasferimento e alla registrazione sul database del materiale di Progress 38P.

Alle 1:50 pm, Wheelock ha eseguito un collegamento radioamatoriale con le, Girls Guides of Canada, presso Guelph, Nova Scotia – Canada

ISS reboost: l’accensione eseguita stamattina è stata conclusa con successo. Lo scopo del reboost è quello di posizionare la Stazione in un corridoio orbitale più favorevole al docking del prossimo cargo Progress 39P e di Soyuz 22S/24S. Il reboost è durato 17 min e 45 secondi, è l’altitudine è stata incrementata di circa 3720 metri

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.