Conclusa la prima parte del Mars500

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Alle 14.00 del 14 luglio è stato aperto il portellone che per 105 giorni ha isolato i membri dell'esperimento iniziato il 31 marzo presso l'Institute of Biomedical Problems (IBMP) di Mosca.

L'equipaggio di 6 persone comprendeva 2 membri ESA: Oliver Knickel (GER), Cyrille Fournier (FRA) oltre ai cosmonauti russi Sergei Ryazansky (comandante) e Oleg Artemyev, il medico Alexei Baranov ed Alexei Shpakov medico dello sport.

All'interno di 4 moduli isolati dal mondo esterno per tutta la durata dell'esperimento, i membri hanno simulato un ipotetico viaggio fino al pianeta Marte, con conseguente gap nelle trasmissioni con la Terra che alla fine è arrivato fino a 20 minuti di attesa.

Particolare attenzione è stata posta sugli aspetti psicologici e fisiologici, vari esperimenti sono stati effettuati su richiesta di alcuni istituti scientifici europei, russi e statunitensi.

Per integrare le razioni standard di cibo i 6 membri hanno coltivato autonomemente insalate ed altri ortaggi e durante il tempo libero potevano rilassarsi leggendo libri, guardando films, suonando e giocando.

Simonetta Di Pippo, "Director of Human Spaceflight" dell'ESA, presente all'apertura del portello, si è detta molto soddisfatta e si è congratulata con i due membri ESA che hanno contribuito personalmente e professionalmente al pieno successo dell'esperimento.

Questo era solo lo studio preliminare verso la simulazione completa chiamata Mars500 che, partendo nei primi mesi del 2010, simulerà i 520 giorni necessari a raggiungere Marte, la permanenza sulla superficie ed il viaggio di ritorno a Terra.

  Questo articolo è © 2006-2019 dell'Associazione ISAA - Alcuni diritti riservati.

Simone Montrasio

Appassionato di astronautica fin da bambino, gli studi e il lavoro mi hanno tenuto occupato nel settore chimico industriale fino al 2011 quando ho deciso di cambiare completamente vita e dedicarmi alla campagna. Collaboro felicemente con AstronautiNEWS dalla sua fondazione con una pausa sabbatica tra il 2011 e il 2013.