ISS Daily Report – Giovedì 5 Febbraio 2009

ISS Daily Report – Giovedi 5 Febbraio 2009

Poco prima dell'avvenuto sgancio della Progress, Mike e Yuri hanno eseguito queste ultime operazioni:
– termine delle operazioni di stoccaggio del materiale da eliminare e relative annotazioni sull'inventario di bordo
– avvisare il controllo di Mosca che era tutto pronto.
– attivazione di 31P e interruzione delle operazioni di ventilazione dal DC-1
– aiutandosi l'uno con l'altro hanno rimosso le sicurezze del SSVP.
– inviare lo stato della situazione e la documentazione a Terra, per le valutazioni finali degli specialisti.
– chiusura dei portelli DC-1 to Progress (06:10 am EST)
– iniziare l'usuale ora per verificare perdite dal portellone che connette il vestibolo in DC-1

Per sicurezza sono state chiusi le protezioni degli oblò del JPM & LAB.
Alle 11:11 pm la Progress M-01M/31P è stata sganciata.

Nel frattempo a bordo, FINCKE a proseguito i lavori che prevedevano un cambio dell'obiettivo del sistema EarthKAM. E' stata sostituita la lente da 50 mm con una da 180 mm. Questo payload viene gestito da Terra senza l'intervento dell'equipaggio, e per gestione si intende che il sistema viene programmato dagli studenti delle middle schools (più 84 insegnanti), per la ripresa di immagini a seconda del tema di studio.

Sandy con Mike, in previsioni delle prossime EVA all'interno del Airlock, hanno controllato 2 SAFER (Simplified Aid for EVA Rescue – Foto – una versione semplificata spalleggiabile rispetto le più complesse Manned Maneuvering Unit-MMU)

Mike ha inoltre impegnato quasi un'ora per riprese video a bordo della ISS, concentrandosi nel Quest Airlock, sugli strumenti delle Attività Extraveicolari, configurazione EMU, disposizione di METOX ecc. tutto a beneficio del prossimo equipaggio.
Sempre con questo scopo è stata indetta una teleconferenza con i membri di STS-119 per un confronto e la discussione di alcuni dettagli relativi al periodo di permanenza.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.