Aerojet Rocketdyne

Altro passo in avanti per la missione DART

La struttura principale del veicolo spaziale DART (Double Asteroid Redirection Test) della NASA, è stata riportata lo scorso 15 maggio presso l’Applied Physics Laboratory (APL) di Laurel (Maryland) della Johns Hopkins University.

Altro passo in avanti per Orion

Con la riuscita della missione Ascent Abort-2 dello scorso martedì 2 luglio, NASA ha dimostrato l’efficacia del sistema di salvataggio Launch Abort System (LAS), durante le prime fasi del lancio della capsula Orion.

ULA sceglie Blue Origin: saranno i BE-4 a spingere il Vulcan

Dopo anni di speculazioni e ipotesi, giovedì 27 settembre ULA, la joint venture spaziale tra Boeing e Lockheed Martin, ha annunciato che saranno i motori BE-4 di Blue Origin a spingere il primo stadio del Vulcan, il lanciatore in fase di sviluppo che prenderà il posto dell’Atlas V e del Delta IV attualmente nella sua flotta.

Un prototipo da 13 kw di motore a effetto Hall durante un test presso il Glenn Research Center di Cleveland. Credit: NASA

Aerojet Rocketdyne svilupperà il nuovo motore elettrico

Aerojet Rocketdyne si è vista assegnare un contratto del valore di 67 milioni di dollari per la costruzione di un sistema avanzato di propulsione elettrica. Il motore oggetto del contratto dovrebbe avere all’incirca il doppio della spinta generata dagli attuali motori di questo genere e verrebbe utilizzato per effettuare le future missioni dell’agenzia spaziale statunitense verso gli asteroidi e Marte.