Autore: Massimo Orgiazzi

Un’intensa tempesta di sabbia mette a serio rischio il rover Opportunity

Una delle peggiori tempeste di sabbia marziane sta mettendo a rischio il rover Opportunity, la cui strumentazione è stata interamente spenta ad eccezione dell’orologio di sistema, nella speranza che passato il peggio, l’irriducibile missione possa ancora riprendere. Ma il sole, ormai invisibile nel cielo sopra il piccolo rover, potrebbe tornare ad illuminare un’apparecchiatura questa volta senza più chance di riaccensione.

Curiosity trova materiale organico e metano variabile con le stagioni su Marte

Il rover Curiosity ha scoperto composti del carbonio nascosti nelle rocce di Marte e ha rilevato fluttuazioni dei livelli di metano nell’atmosfera variabili con le stagioni. Sebbene entrambe le scoperte non significhino necessariamente presenza di vita oggi, suggeriscono che potrebbe esserci stata in un lontano passato e sono di importanza fondamentale per future missioni esplorative.

Pronto al lancio Queqiao: scruterà il cosmo e il lato nascosto della Luna

Lunedì sarà lanciato Queqiao, il satellite ripetitore della sonda Chang’e 4: raggiungerà il punto lagrangiano L2 e da lì veicolerà le trasmissioni della sonda cinese che atterrerà sul lato nascosto della Luna nella seconda parte del 2018. Ma il satellite condurrà anche rilevazioni cosmologiche su una fascia dello spettro elettromagnetico ancora ampiamente inesplorata. 

Partita InSight: la sonda NASA fa rotta verso Marte

La sonda NASA InSight è decollata oggi alle 13.05 ora italiana dalla base di Vandenberg in California, marcando la prima volta in cui una missione interplanetaria viene lanciata dalla costa occidentale degli Stati Uniti. Ora è in viaggio verso Marte, sulla cui superficie atterrerà il 26 novembre prossimo.

Ennesimo slittamento per il lancio del James Webb Space Telescope: si va al 2020

Dopo ben 22 anni di sviluppo, la NASA prevede solo una probabilità del 70% di riuscire a mantenere quella che è ora la data ufficiale del lancio del più potente telescopio spaziale mai pensato, ovvero maggio 2020. Il JWST diventerà un portentoso strumento di ricerca, ma la frustrazione per un’attesa che si fa sempre più lunga cresce in tutti gli ambienti.