Starship SN15 regala a SpaceX il primo atterraggio di successo

Starship SN15 pochi istanti dopo l'atterraggio. Credits: SpaceX

Con un balzo alla quota di 10 km avvenuto attorno alle 00:25 CET di oggi 6 maggio 2021 il quindicesimo prototipo della serie Starship ha finalmente eseguito correttamente la manovra di atterraggio. Non solo SN15 si è posato dolcemente a terra senza schiacciare le gambe di supporto, ma è anche sopravvissuto a un principio di incendio senza esplodere.

Ecco il link per rivivere le emozioni della diretta ufficiale di SpaceX.

Il profilo di volo è rimasto quasi lo stesso dei suoi predecessori: dopo una salita alla quota di 10 km compiuta nel giro di 4 minuti circa, accompagnata dallo spegnimento progressivo e controllato dei propulsori Raptor, il gigantesco prototipo ha svolto la manovra belly flop che lo ha portato in volo orizzontale.

Starship SN15 durante il volo orizzontale. Credits: SpaceX

Nonostante immagini intermittenti è stato poi possibile seguire alcuni istanti della traiettoria di discesa controllata, dove la principale differenza tra questo e i balzi precedenti è apparsa chiara: a raddrizzare e far atterrare SN15 sono stati due motori Raptor contemporaneamente, tenuti accesi fino al momento di contatto col suolo.

I due Raptor accesi pochi istanti prima dell’atterraggio. Credits: SpaceX

Immediatamente dopo l’atterraggio, alla base di SN15 si è sviluppato un piccolo incendio che ha riportato alla mente le circostanze della distruzione di SN10, avvenuta proprio a causa di un incendio nella zona dei motori vari minuti dopo il suo rientro. Al momento in cui scriviamo l’incendio appare domato e dal razzo vengono liberati, tramite apposite valvole di sfogo, i fumi dei propellenti ancora presenti nei suoi serbatoi.

SN15 a terra, leggermente discosta dal centro della piazzola, con le prime fiamme dell’incendio. Credits: SpaceX

È stato lo stesso CEO di SpaceX, Elon Musk, a dichiarare il successo della missione con uno dei suoi tweet.

È dunque il caso di scomodare l’aggettivo “storico” per definire questo volo, che oltre all’obiettivo più ovvio, cioè un atterraggio riuscito, segna anche l’esordio di un nuovo design per le Starship, non evidente all’esterno ma presente in vari dettagli dei sottosistemi di bordo. Possiamo solo sperare che Elon Musk decida di fornire qualche dettaglio extra nel corso dei prossimi giorni.

  Questo articolo è © 2006-2021 dell'Associazione ISAA - Alcuni diritti riservati.

Commenti

Commenta e approfondisci su ForumAstronautico.it

Marco Zambianchi

Ground Systems Engineer presso ESA/ESOC, ha fatto parte dei Flight Control Team di INTEGRAL, XMM/Newton e Gaia. È fondatore di ForumAstronautico.it e co-fondatore di AstronautiCAST. Conferenziere di astronautica al Planetario di Lecco fino al 2012, scrive ora su AstronautiNEWS ed è Presidente dell'associazione ISAA.