Dopo nove anni di grandi scoperte, la missione di Kepler volge al termine

Massimo Orgiazzi

Appassionato di astronomia, astronautica e scienza, nella vita è ingegnere. Ha scritto narrativa, poesia e critica letteraria, ha una passione per il cinema e organizza rassegne cineforum. Twitta in inglese di spazio e scienza con l'handle @Rainmaker1973

2 Risposte

  1. piccolofalco75 ha detto:

    Secondo voi, non ci sarebbe nessuna possibilità di creare qualche robot/drone spaziale, che riesca a fare rifornimento e magari qualche piccola riparazione?

  2. Massimo Orgiazzi ha detto:

    Ci sono svariati progetti per portare alla luce qualcosa di simile, orientato specialmente alla riparazione/manutenzione di satelliti. Ovviamente sarebbe dapprima implementato per assistenza in orbita. Qui è illustrato per esempio un progetto della NASA: https://sspd.gsfc.nasa.gov/restore-l.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.