SpaceX porta in orbita altri 10 satelliti Iridium NEXT

L'atterraggio del primo stadio della missione Iridium NEXT 3 - Credits: SpaceX

Anche il terzo degli otto lanci previsti per portare in orbita la costellazione Iridium NEXT è andato a gonfie vele: pieno successo per SpaceX che oltre a centrare l’obiettivo primario del rilascio dei 10 satelliti ha recuperato anche il primo stadio del Falcon 9.

La partenza, in perfetto orario, è avvenuta alle 14:37 italiane di oggi 9 ottobre dalla rampa SLC-4E (Space Launch Complex 4E) della Vandenberg Air Force Base in California. Si è trattato del quarantaduesimo lancio di un Falcon 9, il ventiduesimo della versione 1.2. Ecco il video del webcast.

 

Dopo la separazione, il primo stadio del Falcon 9 è rientrato con successo sulla piattaforma oceanica “Just Read the Instructions” (“Basta leggere le istruzioni”, ndr). Questo particolare stadio, numero seriale B1041.1, non aveva mai volato in precedenza. La manovra di ritorno è stata trasmessa in diretta streaming, anche se il buio (erano le 05:37 locali) ha ridotto la spettacolarità televisiva dell’evento. Dalle immagini sembra che il touchdown sembra essere avvenuto in modo praticamente perfetto. Una particolarità di questo volo è stata che lo stadio ha montato, per una volta, le grid fin in alluminio.

Il rilascio dell’ottavo dei dieci Iridium NEXT. Si notano sullo sfondo altri tre satelliti della serie. – Credits: SpaceX

Come per i lanci avvenuti a gennaio e giugno il Falcon 9 ha trasportato 10 satelliti Iridium NEXT (numeri di serie 107 / 119 / 122 / 125 / 127 (100) / 129 / 132 / 133 / 136 / 139). Iridium è una delle aziende leader mondiali nel campo delle telecomunicazioni globali, e ha sottoscritto un contratto multi-lancio con SpaceX per immettere in orbita  una costellazione di 75 esemplari di Iridium NEXT. La separazione dei dieci satelliti è iniziata circa un’ora dopo il lancio.

I satelliti Iridium NEXT

Il carico pagante di questo lancio erano 10 Iridium NEXT destinati a rimpiazzare gli esemplari della generazione precedente della più vasta rete di satelliti commerciali per telecomunicazioni ad oggi esistente. Iridium ha affidato a Thales Alenia Space la costruzione di 81 satelliti, 75 dei quali saranno lanciati da SpaceX. Rimpiazzare uno ad uno i satelliti di una costellazione tanto vasta è un’impresa mai tentata fino ad oggi.

Ecco, per finire, il press kit e lo stemma ufficiale della missione.

Il logo di SpaceX Iridium 3 – Credits: SpaceX

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=26970.0

Marco Zambianchi

Spacecraft Analyst per la missione Gaia presso ESA/ESOC, è fondatore di ForumAstronautico.it, e co-fondatore di AstronautiCAST. Conferenziere di astronautica al Planetario di Lecco fino al 2012, scrive ora su AstronautiNEWS ed è Presidente dell’associazione ISAA.

Potrebbero interessarti anche...

  • Alessandro Fuligni

    Veramente le grid fin in alluminium sono sempre state montate dai Falcon 9, novità sarebbe stato l’utilizzo delle Titanium grids… E a ben vedere, all’atterraggio del primo stadio, il motore non si è spento per qualche secondo, tanto che si è sentito anche pronunciare la frase “zoom on fire over there” o una cosa del genere, durante la diretta. Credo che la JRTI (Just read the instructions) possa essere stata lievemente danneggiata da tutto questo, ma lo sapremo meglio nei prossimi giorni…

    • Per carità, la barca è di acciaio, e penso anche abbastanza spesso, non credo avrà avuto grandi danni.

    • La curiosità legata alle grid fin sta nel fatto che per questo volo SpaceX è tornata per una volta (e potrebbe non essere l’ultima) ad usare quelle in alluminio e non quelle in titanio.