Una telecamera del Lunar Reconnaissance Orbiter resiste ad un impatto con un meteorite

Prime immagini realizzate dalle telecamere di Lunar Reconnaissance Orbiter subito dopo l'impatto con un meteorite (C) NASA

Valeria Parnenzini

Appassionata di spazio e tecnologia, collabora con AstronautiNEWS da Agosto 2015.

7 Risposte

  1. RT83_ita ha detto:

    Ma il fatto che si faccia riferimento ad un impatto durante la ripresa fotografica, con risultato evidente, significa che poi le successive riprese sono esenti da questo difetto?

    • signaleleven ha detto:

      In che senso? L’impatto non ha causato danni, e le perturbazioni nell’assetto sono state corrette dal sistema (anzi, la natura ondulatoria del disturbo è *già* indice della correzione, credo, a meno che siano qualche vibrazione propria della struttura).

      Finita la vibrazione, perché le riprese successive dovrebbero riportare difetti?

      • RT83_ita ha detto:

        Credevo, vista la linearità dell’ondulazione, che la stessa fosse causata da un danno permanente all’attrezzatura. (non so, ad esempio a causa dell’impatto, la stessa non fosse più stabile nel suo movimento).

        • signaleleven ha detto:

          Ah, ho capito.
          No, non c’è alcun movimento. Come dice Valeria nell’articolo, la telecamera scansiona una striscia “orizzontale”, mentre la dimensione “verticale” della foto è data dal movimento della sonda in orbita. Niente parti in movimento 🙂

          • RT83_ita ha detto:

            Ok grazie mille! In effetti parti in movimento non avrebbero molto senso…
            Credevo che l’immagine “ondulata” fosse già l’insieme di vari passaggi orizzontali, invece è una singola striscia (insultami pure se dovessi aver sbagliato ancora 😀 ). Grazie

          • signaleleven ha detto:

            Figurati 🙂 Era solo per chiarire.
            Non vorrei averti confuso di più 😉
            Ogni riga dei pixel della foto è una scansione orizzontale (ma senza movimento. Semplicemente viene “fotografata” una intera riga). Il movimento della sonda fa la scansione verticale. Se la sonda vibra “orizzontalmente”, ogni riga è disallineata rispetto alla precedente e alla successiva (guarda un po’ più a destra o un po’ più a sinistra), e l’effetto sono quelle onde.

          • RT83_ita ha detto:

            Adesso è tutto chiaro! Tks 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.