Il Proton rimarrà a terra fino a metà maggio

Dopo una serie di indiscrezioni circolate nelle scorse settimane, è arrivata la conferma ufficiale del temporaneo stop ai voli del vettore russo Proton per poter consentire la sostituzione dei propulsori, già prodotti ed assemblati, sospettati di difetti di produzione.

Dmitri Rogozin ed Igor Komarov durante la visita agli impianti della Voronezh.

Il vice primo ministro russo Dmitri Rogozin, dopo una visita agli stabilimenti dell’azienda statale Voronezh che produce i propulsori, ha confermato su twitter che tre vettori Proton-M verranno smantellati per poter sostituire i motori RD-0210 ed RD-0212, rispettivamente del secondo e terzo stadio. I lanci verranno ripresi non prima della metà di maggio.

La Voronezh è quindi ancora una volta sotto accusa dopo che nelle scorse settimane il loro propulsore RD-0110 venne imputato come causa del fallito lancio del vettore Soyuz-U per la missione Progress MS-04 dell’1 dicembre 2016.
In seguito all’indagine il direttore gli impianti, Ivan Koptev, aveva quindi rassegnato le proprie dimissioni.

Rogozin ha annunciato severi provvedimenti nei confronti degli eventuali responsabili per gli errori durante l’assemblaggio dei propulsori ed aiuti economici per ammodernare gli impianti di produzione.

L’ultimo lancio del Proton risale al 9 giugno 2016 quando mise in orbita geostazionaria il satellite per le telecomunicazioni Intelsat-31. Nonostante il lancio venne dichiarato un successo, fonti non ufficiali ed i dati di volo indicherebbero un malfunzionamento del secondo stadio, comunque recuperato dal terzo stadio che rimase attivo per un periodo maggiore di quanto previsto.

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=26240.0

Simone Montrasio

Appassionato di astronautica fin da bambino, gli studi ed il lavoro mi hanno tenuto occupato nel settore chimico industriale fino al 2011 quando ho deciso di cambiare completamente vita e dedicarmi alla campagna. Collaboro felicemente con AstronautiNEWS dalla sua fondazione con una pausa sabbatica tra il 2011 ed il 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.