Una nuova missione per ALTEA

Otto anni e mezzo nello spazio, mille giorni di misure effettive, più di trenta lavori pubblicati, una collaborazione internazionale che coinvolge tre continenti e vanta una leadership tutta italiana: sono questi i numeri da primato dello strumento ALTEA (Anomalous Long Term Effects on Astronauts).
Il payload, realizzato con il finanziamento dell’Agenzia Spaziale Italiana, è stato ideato e sviluppato da Thales Alenia Space Italia (all’epoca LABEN) con la leadership di un gruppo di ricerca dell’Università di Roma Tor Vergata.
Il 4 luglio 2006 lo strumento fu lanciato dal Kennedy Space Center, in Florida, a bordo dello Shuttle Discovery e ha fatto ritorno sulla Terra il 10 febbraio 2015 con una capsula SpaceX – Dragon.
ALTEA8
ALTEA è un sistema di rivelatori di particelle dedicato al monitoraggio dell’ambiente di radiazione nella Stazione Spaziale e allo studio degli effetti delle radiazioni sul cervello.
Dopo due viaggi spaziali, una lunga permanenza a bordo della ‘casa cosmica’ con numerosi montaggi e smontaggi ed il ‘tuffo’ nell’Oceano Pacifico al momento del rientro, ALTEA è ancora perfettamente nominale, come risulta dai test al banco effettuati da Thales Alenia, e quindi pronto a nuove permanenze in orbita.

Lo strumento sarà infatti impiegato dall’astronauta Paolo Nespoli nella missione che lo vedrà protagonista nel 2017.
Nespoli, che si è già avvalso del dispositivo per l’esperimento “ALTEA-shield” supportato dall’ESA, questa volta lo utilizzerà per la sperimentazione LIDAL (Light Ions Detector for ALTEA).
Altea1
Il nuovo “incarico” dell’apparecchiatura rappresenta un’ulteriore dimostrazione della qualità ed affidabilità scientifica e tecnologica dell’Italia. LIDAL consiste in un importante aggiornamento di ALTEA con cui caratteristiche e flessibilità saranno ulteriormente migliorate.

Fonte: ASI

  Questo articolo è copyright dell'Associazione ISAA 2006-2024, ove non diversamente indicato. - Consulta la licenza. La nostra licenza non si applica agli eventuali contenuti di terze parti presenti in questo articolo, che rimangono soggetti alle condizioni del rispettivo detentore dei diritti.

Commenti

Discutiamone su ForumAstronautico.it

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.