La nuovissima Progress MS-01 parte per la ISS

Con un carico di oltre 2,8 tonnellate che include cibo, propellente e rifornimenti destinati alla Stazione Spaziale Internazionale, la capsula senza equipaggio Progress MS-01 (62P) è decollata alle 9.44 ora italiana di oggi 21 dicembre 2015 (le 14.44 locali a Baykonur) dalle steppe del Kazakistan.

Meno di 10 minuti dopo la navetta cargo ha raggiunto la prevista orbita preliminare, dove ha dispiegato i pannelli solari e le antenne di navigazione come da programma. La Progress effettuerà ora 34 orbite terrestri nel corso dei prossimi due giorni, prima di attraccare alla Stazione il prossimo mercoledì 23 dicembre attorno alle 11.31 italiane.

Alle 14.10 di oggi il comandate della ISS Scott Kelly e l’ingegnere di volo Tim Kopra, entrambi astronauti NASA, sono usciti dalla stazione dall’airlock Quest dando il via ad una EVA non programmata per sbloccare il “Mobile Transporter (MT)”, cioè il carrello di servizio dell’avamposto spaziale. Il sistema MT, come abbiamo spiegato in un precedente articolo, è rimasto bloccato lungo la sua rotaia e va spostato nella posizione di parcheggio corretta prima dell’arrivo della Progress.
L’attività extraveicolare si può seguire in diretta su NASA TV.

Video: il lancio della Progress MS-1

La Progress MS è una variante migliorata della capsula da trasporto russa, che ha visto il suo esordio proprio con questo lancio. Rispetto alla versione precendente sono stati aggiunti vari miglioramenti:

  • Nuovo compartimento esterno che consente il rilascio di un massimo di quattro mini satelliti.
  • Ridondanza migliorata grazie all’aggiunta di un sistema di backup per i ganci di attracco e tenuta stagna.
  • Nuovi pannelli protettivi contro le micrometeoriti aggiunti al segmento cargo.
  • Capacità di utilizzare i satelliti della costellazione russa Luch per trasmettere telemetria e ricevere telecomandi anche quando non direttamente in vista delle stazioni radio di terra.
  • Sistema di navigazione autonomo che fa uso dei satelliti GNSS (GLONASS, GPS…) per la determinazione in tempo reale di assetto e dei parametri orbitali.
  • Capacità di scambiare dati di navigazione in tempo reale con la ISS.
  • Nuovo sistema radio digitale che consentirà la trasmissione di immagini TV migliorate durante le operazioni di attracco alla ISS.
  • Il sistema radio di bordo Chezara Kvant-V, di origine ucraina, è stato rimpiazzato dallo Unified Command Telemetry System (UCTS).
  • Aggiornamento del sistema di guida digitale Kurs dalla versione A alla versione NA.

Fonte: Blog NASA, Wikipedia

Immagine in evidenza, cortesia NASA Tv/RKA

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=24556.0

Marco Zambianchi

Spacecraft Analyst per la missione Gaia presso ESA/ESOC, è fondatore di ForumAstronautico.it, e co-fondatore di AstronautiCAST. Conferenziere di astronautica al Planetario di Lecco fino al 2012, scrive ora su AstronautiNEWS ed è Presidente dell'associazione ISAA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.