L+1: Wow wow wow… Sto scrivendo dallo spazio!

Il lancio della Soyuz TMA-15M a Baikonur. Credit: NASA
Il lancio della Sojuz TMA-15M a Bajkonur. Credit: NASA

Samantha Cristoforetti

Dal 2009 è un’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Il lancio della sua prima missione, in cui trascorrerà circa sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale, è previsto per il 24 novembre 2014. È inoltre un ufficiale pilota dell’Aeronautica Militare Italiana con il grado di Capitano.

16 Risposte

  1. Agide Melloni ha detto:

    Sei fantastica, Samantha! Ed è fantastico tutto quello che ci fai….”vedere” dalla Soyuz! Buon lavoro!

  2. giobatta80 ha detto:

    Il momento descritto da Samantha è questo (da video ESA), è stata davvero colta di sorpresa e da una grande emozione:

    Dallo stream NASA invece si può apprezzare, in parte, quello che ha visto, hanno fortunatamente inquadrato la soyuz proprio nell’istante in cui questo “raggio” arancione ha colpito iss e navetta:

    Viverlo deve essere indescrivibile, ma Samantha è riuscita un po’ anche in questo! Straordinaria 😉

  3. leflip ha detto:

    Grazie AstroSam, grazie di dedicarci questi momenti preziosi togliendoli ai tuoi di relax, buon vento!

  4. Betelgeuse ha detto:

    Complimenti davvero, onestamente ti invidio un po’… un po’ tanto 😀 sono sempre stato appassionato di astronomia, niente di eccezionale ma qualche lettura qua e là negli anni l’ho fatta e momenti come questi emozionano! buona missione!

  5. Angelica ha detto:

    Grazie Samantha per questi aggiornamenti, si percepisce tutto il tuo entusiasmo e la tua felicità!
    Parliamo sempre di te in famiglia, io personalmente mi commuovo ogni volta che leggo i tuoi post, è come se la tua esperienza la stiamo vivendo un pò tutti insieme a te 🙂
    Buona missione!!

  6. AngeloBlu Liverani ha detto:

    Samantha, che onore seguirti….

  7. kikka orsa ha detto:

    Una curiosità: durante il volo verso la ISS è possibile che la Soyuz possa imbattersi nelle vicinanze di oggetti che orbitano nello spazio? Se si, che percentuale di possibilità può esserci? Grazie mille 🙂

    • signaleleven ha detto:

      Gli oggetti in orbita superiori ad una certa dimensione sono tutti catalogati e tracciati. Essendo in caduta libera, soggetti solo alla gravita’ e alla frizione atmosferica, il loro comportamento e’ quasi completamente prevedibile.
      Quando si prevede che la ISS o un altro mezzo si avvicini troppo ad un altro, si manovra in anticipo per evitarlo.
      C’e’ la possibilita’ che parti piccole o micrometeoriti non siano rilevati, e la ISS ha subito qualche piccolo danno da oggetti simili. Anche il telescopio spaziale Hubble, quando e’ stato visitato dagli astronauti dello Shuttle, esibiva qualche segno di usura.

      Ma in generale, lo spazio e’ tanto tanto tanto tanto tanto tanto grande, anche a quote relativamente basse come quella della ISS, e le probabilita’ sono molto basse.

      • kikka orsa ha detto:

        Molto interessante…grazie di tutte le informazioni che dettagliatamente ci fornite! Buon lavoro 🙂

      • Ivano ha detto:

        E allora sapete anche esattamente cosa sia l’oggetto che passa da Nord a Sud ad 1:20 del filmato? Cosa è?

        • signaleleven ha detto:

          Puo’ essere polvere nell’ottica della telecamera di docking, come qualche detrito rilasciato dalla ISS.
          In passato il sistema di raffreddamento esterno per un guasto rilasciava “fiocchi” di ammoniaca cristallizzata, come se fosse neve.
          In questo caso non si capisce, ma si tratta probabilmente di qualcosa di molto piccolo e molto vicino, essendo fuori fuoco.
          Che occhio 🙂

          • Ivano ha detto:

            Eh si di spiegazioni possono essercene tante per una cosa del genere. È che risulta sempre strano per noi vedere oggetti che vagano nello spazio, senza sapere cosa siano, così vicini e così potenzialmente pericolosi.
            Purtroppo a quanto pare non tutti gli oggetti che vagano nello spazio vengono tenuti sotto controllo

  8. SpiritoInquieto ha detto:

    Samantha, ci sono tanti video ufficiali delle cam della ISS in cui si vedono numerosi “oggetti” avvicinarsi, transitarvi accanto, entrare in atmosfera o lasciarsela alle spalle a gran velocità.
    Il tuo stupore somiglia alla famosa registrazione dell’allunaggio intercettata da terra in cui si diceva questo:
    Astronauta ” Oh boy it’s a, it’s, it, it is really something fantastic here, you, you could never imagine this!”
    Houston “Roger, we know about that, could you go the other way, go back the other way!”
    Insomma… il tuo stupore è lo stesso e da terra ti hanno tranquillizzato in un modo molto simile…
    Non è che hai ricevuto piacevoli visite inaspettate? 🙂