Prevista per martedì una passeggiata spaziale per l’astronauta ESA Alexander Gerst

Alexander Gerst mentre prova la tuta spaziale Credits: ESA
Alexander Gerst mentre prova la tuta spaziale Credits: ESA

L’astronauta ESA Alexander Gerst ha passato quattro mesi nella relativa sicurezza della ISS ma martedì si avventurerà nello spazio aperto con l’astronauta NASA Reid Wiseman per una passeggiata spaziale di sette ore.

Lo scopo principale della passeggiata è lo spostamento nella posizione definitiva di una pompa di raffreddamento difettosa che era stata temporaneamente parcheggiata durante una precedente passeggiata spaziale. Alexander e Reid installeranno poi un nuovo componente che permetterà al braccio robotico della stazione di rimanere alimentato anche quando è in fase di ricollocazione.

Prima di uscire dall’airlock Quest della stazione alle 12.10 GMT (14:10 italiane), respireranno ossigeno puro per oltre 2 ore per rimuovere l’azoto dai loro corpi, in maniera molto simile a quanto fanno i sommozzatori dopo immersioni a grandi profondità.

I 2 astronauti lavoreranno sia insieme che in modo indipendente. Per iniziare, Reid preparerà la destinazione della pompa mentre Alexander recupererà la pompa lungo il traliccio principale della ISS. Reid poi inizierà il suo secondo compito di installazione dell’unità di alimentazione del braccio, fermando in questo momento di occuparsi del cavo di sicurezza di Alexander per lasciarlo libero di muoversi in sicurezza.

Il braccio robotico di Kibo al lavoro con il Canadarm2 della ISS. Fonte: NASA

Il braccio robotico di Kibo al lavoro con il Canadarm2 della ISS. Fonte: NASA

La coppia fisserà insieme la pompa nella sua posizione finale e poi lavorerà all’unisono sul braccio robotico.

Le passeggiate spaziali sono situazioni molto coreografiche e pericolose che richiedono una pianificazione meticolosa e una perfetta coordinazione fra gli astronauti e il controllo a terra.

Il direttore principale di ESA per le Expedition 41 e 42 della ISS, Alex Nitsch, è il responsabile per la parte europea della missione Blue Dot di Alexander. Basato presso il Columbus Control Centre a Oberpfaffenhofen in Germania, Alex ha dichiarato: “ Prepararsi e concentrarsi per una passeggiata spaziale richiede settimane e coinvolge tutti i partners presso il centro di controllo della stazione a Houston negli USA e a Mosca in Russia.”

Ogni 90 minuti, la stazione esegue un’orbita attorno alla Terra. La luce del Sole può accecare momentaneamente gli astronauti che un secondo dopo possono trovarsi nel buio più completo con solo le luci dei caschi a illuminare il luogo di lavoro.

Per il controllo a terra e gli astronauti, le passeggiate spaziali non sono “passeggiate nel parco”,” continua Alex. “Sono faticose e richiedono la massima concentrazione. Da quando si esce dall’airlock fino al momento in cui ci si fa ritorno, tutti seguono una programmazione molto rigida.”

Per sfruttare al massimo il loro tempo all’esterno, gli astronauti hanno una lista denominata “get-ahead”. Se il tempo e le energie lo permettono, inizieranno dei lavori pianificati originariamente per passeggiate future: come lo spostamento di alcuni cavi e la riconfigurazione di alcuni equipaggiamenti.

L’uscita sarà la 27-esima a guida USA. Reid userà il nome di missione EV1 e indosserà la tuta con strisce rosse, mentre Alexander sarà EV2 e avrà la tuta senza strisce. Si potrà seguire la passeggiata spaziale in diretta su NASA TV il 7 ottobre a partire dalle 11:00 GMT (13:00 italiane) oppure dal blog della missione di Alexander o anche attraverso Twitter dall’account @esaoperations.

Fonte: ESA.

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=22189.0

Rudy Bidoggia

Appassionato di spazio e di tutto ciò che è scienza dalla tenera età, scrive dal 2012 per AstronautiNews. Lavora come tecnico informatico presso un'azienda metalmeccanica del Friuli Venezia Giulia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.