SpaceX imputa al malfunzionamento di un sensore la causa dell’esplosione del Falcon 9R

Il prototipo di razzo, costituito da un primo stadio modificato del vettore Falcon 9 con 3 soli motori, è uscito dalla traiettoria predefinita il 22 agosto durante un volo di prova di decollo e atterraggio verticale. Il sistema di sicurezza di bordo ha riconosciuto il problema e ha comandato l’autodistruzione.

L'esplosione del Falcon 9R in un immagine postata su Twitter. Credits: Amanda Spence (utente Twitter @EthansMommy17)

L’esplosione del Falcon 9R in un immagine postata su Twitter.
Credits: Amanda Spence (utente Twitter @EthansMommy17)

Il Falcon 9R è un prototipo che è stato progettato per testare le tecnologie necessarie ai razzi riutilizzabili da impiegare nei lanci operativi di SpaceX. L’obiettivo della società californiana è infatti riuscire a far eseguire un rientro controllato al primo stadio dei suoi Falcon 9 da concludersi con un atterraggio di precisione su terra o su una piattaforma marina. Tutto questo nell’ottica di riusabilità del vettore per ridurre i costi di lancio, il vero pallino del suo fondatore e CEO Elon Musk che martedì ha dichiarato che la perdita del prototipo è da imputare a una “porta bloccata da un sensore”.

Contemporaneamente Garrett Reisman, che si trova alla guida del settore di SpaceX dedicato allo sviluppo del servizio di trasporto astronauti per conto di NASA, ha detto che comunque il lavoro di investigazione sulle cause non è ancora stato completato.

Vi posso dire che senza dubbio sembra si tratti semplicemente di una vulnerabilità a punto singolo che è presente in questo prototipo ma non nel Falcon 9,” ha precisato Reisman. “Pensiamo sia stato un guasto in un singolo sensore, e il Falcon 9 ha sensori multipli nei suoi algoritmi di gestione. Quindi anche se avvenisse lo stesso guasto sul Falcon 9, la missione non verrebbe compromessa in nessun modo.”

La probabile catena di eventi illustrata da SpaceX vede l’origine nel malfunzionamento di un sensore di gestione di uno dei 3 motori Merlin 1D che equipaggiano il Falcon 9R; questo si è tradotto in una traiettoria sbagliata del prototipo e appena il sistema di bordo ha rilevato l’uscita dall’area di sicurezza, ha inviato il comando di autodistruzione per evitare di mettere in pericolo le persone e le cose presenti nei dintorni del sito di test.

Abbiamo definito dei limiti spaziali, e se usciamo da questi verticalmente o lateralmente, il computer di volo inizia la procedura che è avvenuta,” ha spiegato sempre Reisman.

Anche per questo l’azienda pensa di trasferire i futuri voli simili al test fallito del 22 agosto nel New Messico che offre un ambiente più isolato per i test a grande altezza.

Reisman ha inoltre precisato che il Falcon 9 operativo con i suoi 9 motori al primo stadio può sopperire alla perdita di uno e continuare la missione nominale mentre nel prototipo spinto da 3 soli motori questa ridondanza semplicemente non esiste.

Ci siamo presi un mucchio di rischi con il Falcon 9R, infatti lo stiamo utilizzando in regimi di volo e concetti di utilizzo per i quali non è progettato, tutto allo scopo di imparare,” ha continuato Reisman. “Uno di questi rischi ci ha colpito la scorsa settimana, e una delle vulnerabilità a punto singolo ha fallito, cosa che sapevamo essere una possibilità.”

Il precedente prototipo Grasshopper. Credits: SpaceX

Il precedente prototipo Grasshopper.
Credits: SpaceX

Il Falcon 9R Dev 1 era il secondo di una serie di prototipi a decollo e atterraggio verticale costruiti dalla SpaceX. Seguiva il Grasshopper, un razzo più piccolo e con un solo motore.

Il Falcon 9R Dev 1 è dotato intorno alla base di gambe di atterraggio e secondo programma doveva decollare dal suo pad in cemento, raggiungere un’altezza prestabilita e quindi eseguire un preciso atterraggio verticale con una discesa controllata dai propri motori.

Gli ingegneri di SpaceX non hanno trovato connessioni fra l’incidente del Falcon 9R e i voli operativi dei Falcon 9, ma l’azienda ha comunque rinviato per precauzione il lancio commerciale pianificato per questa settimana del satellite per telecomunicazioni AsiaSat 6.

In un Falcon 9 operativo il sensore che ha avuto il guasto sarebbe stato messo in minoranza da svariati altri sensori,” ha dichiarato Musk. “Questo sistema di voto ridondante non era presente nel prototipo.”

Fonte:  SpaceFlight Now

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=21970.0

Rudy Bidoggia

Appassionato di spazio e di tutto ciò che è scienza dalla tenera età, scrive dal 2012 per AstronautiNews. Lavora come tecnico informatico presso un'azienda metalmeccanica del Friuli Venezia Giulia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.