Riattivato Philae, il lander di Rosetta

Fonte ESA

Continua il risveglio dei vari sistemi della sonda europea iniziato lo scorso gennaio dopo più di 2 anni di ibernazione. Lo scorso 28 marzo anche il lander Philae ha inviato a terra la conferma della sua completa riattivazione.

Lanciata nel marzo 2004, dopo tre sorvoli della Terra, uno di Marte e di due asteroidi, nel luglio 2011 la sonda era entrata in uno stato di quasi totale ibernazione che è durato fino al gennaio scorso quando ha inviato a Terra il segnale di risveglio.

L’obiettivo di Rosetta è la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, che completa regolarmente la sua orbita intorno al sole ogni 6 anni e mezzo.

Da metà marzo è iniziata la riattivazione degli strumenti scientifici, prima di tutti la primary science camera, lo spettrometro all’ultravioletto ed una suite di sensori al plasma per studiare l’ambiente circostante la cometa.

Il primo pacchetto di dati provenienti dal lander è stato ricevuto da un’antenna NASA in California e subito inviato al controllo missione europeo in Germania.
Entro fine aprile verranno controllati tutti i sistemi ed attivati in successione i 10 strumenti scientifici.

La missione di Philae si svolgerà principalmente entro le 64 ore di energia garantite dalle batterie di bordo e prevede il prelievo e l’analisi della composizione del ghiaccio superficiale e di campioni presi fino a 23 cm di profondità, oltre che ad una serie di fotografie in alta risoluzione della superficie.

Se le condizioni saranno favorevoli e non ci sarà troppa presenza di polvere, le batterie potranno essere mantenute cariche dai pannelli fotovoltaici presenti sul lander e prolungarne cosi l’operatività.

67P/Churyumov-Gerasimenko

67P/Churyumov-Gerasimenko

Lo scorso marzo Rosetta ha individuato e fotografato la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko da una distanza di 5 milioni di Km.
In maggio verranno effettuate una serie di correzioni di rotta che, dopo un passaggio a 50.000 Km, la faranno avvicinare ad una distanza di sicurezza di 100 Km per poter individuare eventuali detriti che viaggiano attorno alla cometa.

L’incontro con la cometa è previsto per il prossimo agosto e, dopo una mappatura completa della superficie per l’individuazione dei migliori siti d’atterraggio, a novembre il lander Philae si staccherà dalla sonda madre per atterrare ed ancorarsi alla superficie ghiacciata della cometa.

Fonte ESA, SpaceFlightNow

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=21242.0

Simone Montrasio

Appassionato di astronautica fin da bambino, gli studi ed il lavoro mi hanno tenuto occupato nel settore chimico industriale fino al 2011 quando ho deciso di cambiare completamente vita e dedicarmi alla campagna. Collaboro felicemente con AstronautiNEWS dalla sua fondazione con una pausa sabbatica tra il 2011 ed il 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.