L-258: Ancora in tuta EMU, ma una piuttosto diversa

Samantha Cristoforetti in addestramento in tuta EMU al JSC. Fonte: NASA
Samantha Cristoforetti in addestramento in tuta EMU al JSC. Fonte: NASA

Dal Diario di bordo di Samantha Cristoforetti:

Johnson Space Center (Houston, USA), 11 marzo 2014—Oggi ho avuto l’opportunità di provare una tuta spaziale da volo!

Sono andata allo stabilimento che produce le tute EMU per le passeggiate spaziali per una prova di vestibilità con un’attrezzatura di Classe 1—componenti che non sono destinati all’addestramento in piscina, ma invece allo spazio. Lo scopo era ottenere la configurazione della tuta che userei in orbita, che può differire alquanto da quella nell’NBL, visto che in piscina non fluttuiamo realmente all’interno della tuta. Molta dell’imobttitura che, essendo una persona piccola, uso in acqua per evitare di spostarmi “in basso” all’interno della EMU ogniqualvolta cambio l’orientamento del corpo, non è necessaria in assenza di peso.

È stata anche un’occasione per lavorare con guanti di Classe 1 all’interno della tuta e valutarne l’adattamento. Come potreste ricordare, in passato ho avuto una verifica a parte di tenuta dei guanti nella scatola a guanti.

Una volta completato il controllo di adattamento, abbiamo verificato che potessi raggiungere tutti gli interruttori, le leve e i controlli sulla Display and Control Unit (DCM, unità di visualizzazione e controllo) sulla parte anteriore della tuta, che potessi allacciare i collegamenti ombelicali, sollevare e abbassare la visiera, accendere e spegnere le luci e le telecamere, e aprire la valvola di sfogo, che sostanzialmente crea un’apertura nel casco per scaricare l’ossigeno all’esterno—ma niente paura, il regolatore della tuta è in grado di compensare questa situazione, in modo che venga mantenuta la pressione interna. Potrebbe non essere così importante quando si tratta solo di sovrapressione rispetto alla pressione ambientale, ma è certamente importante nel vuoto!

Come potete vedere nella foto (da un evento passato), spesso manovriamo i controlli con una mano, mentre solleviamo l’altra per usare lo specchio che abbiamo al polso.

Nota originale in inglese, traduzione italiana a cura di Paolo Amoroso—AstronautiNEWS. Leggi il Diario di bordo di Samantha Cristoforetti e l’introduzione.

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=21126.0

Samantha Cristoforetti

Dal 2009 è un’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Il lancio della sua prima missione, in cui trascorrerà circa sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale, è previsto per il 24 novembre 2014. È inoltre un ufficiale pilota dell’Aeronautica Militare Italiana con il grado di Capitano.

2 Risposte

  1. carmelo pugliatti ha detto:

    Ciao Samantha,posso chiederti se è più comoda come vestibilità e possibilità di movimento la Orlan o la EMU?

    • signaleleven ha detto:

      La Orlan ha una pressione interna più elevata (400 hPa contro meno di 300 hPa), pertanto è stata più volte descritta da astronauti e cosmonauti come più rigida nei movimenti. Immagina di dover piegare un braccio in una tuta stagna gonfiata… meno è in pressione, più è “facile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.