L-287: Operazioni nell’airlock Orlan con Alex e Anton

Samantha Cristoforetti e Alexander Gerst nel simulatore dell'airlock Orlan a Star City. Fonte: Gagarin Cosmonaut Training Center
Samantha Cristoforetti e Alexander Gerst nel simulatore dell'airlock Orlan a Star City. Fonte: Gagarin Cosmonaut Training Center

Dal Diario di bordo di Samantha Cristoforetti:

Star City (Mosca, Russia), 10 febbraio 2014—Oggi ho passato la mattina a Star City nel simulatore delle operazioni dell’airlock Orlan con il collega Shenanigan Alex, mettendo in pratica ciò che abbiamo imparato la settimana scorsa su come supportare una EVA russa nel ruolo di terzo operatore. Se ve la siete persa, potete leggere un po’ in proposito in questa nota del diario.

I nostri comandanti Sojuz, Anton e Maksim, erano nelle tute Orlan. Il simulatore delle operazioni dell’airlock è un’unica grande stanza, non ha sezioni separate per riprodurre i differenti moduli della Stazione. Ma ha i normali portelli, le valvole e gli indicatori di pressione, che è ciò con cui dovremmo lavorare durante le operazioni pre- e post-EVA. Non c’è ovviamente nessuna variazione di pressione nella stanza, ma tutti i manometri reagiscono in risposta alla nostra manipolazione delle valvole.

Qui potete vedere un panorama della stanza del simulatore.

E qui c’è Anton che chiude il portello “verso lo spazio”, l’inizio della nostra ripressurizzazione e delle procedure post-EVA.

Inoltre, qui potete vedere alcune foto di un po’ di tempo fa quando Alex e io abbiamo seguito l’addestramento all’airlock in tuta Orlan.

Nota originale in inglese, traduzione italiana a cura di Paolo Amoroso—AstronautiNEWS. Leggi il Diario di bordo di Samantha Cristoforetti e l’introduzione.

  © 2006-2020 Associazione ISAA - Alcuni diritti sono riservati.

Approfondisci su ForumAstronautico.it

Sviluppi e aggiornamenti su questa notizia sono disponibili su ForumAstronautico.it

Samantha Cristoforetti

Ingegnere ed ex ufficiale dell'Aeronautica Militare, dal 2009 è un’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Ha volato nello spazio per 199 giorni, dal 23 novembre 2014 all'11 giugno 2015 per la missione Futura, svoltasi a cavallo tra Expedition 42 ed Expedition 43.

3 risposte

  1. Tatiana Khodyachikh ha detto:

    Samantha, seguo il tuo diario da un anno. Grazie per gli appunti e le foto, sempre molto interessanti.
    In che lingue parlate con gli istruttori di Zvezdnyj Gorodok?

    • signaleleven ha detto:

      Dobroy utro, Tatiana.

      Samantha parla Russo molto bene, per cui ritengo che la comunicazione sia principalmente in Russo.

      I suoi colleghi americani probabilmente mischiano il russo base – che imparano come requisito, a comunicazioni in inglese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.