L-392: Piccoli trucchi del vivere nello spazio

C-tracks in un mockup della ISS al JSC. Fonte: Samantha Cristoforetti
C-tracks in un mockup della ISS al JSC. Fonte: Samantha Cristoforetti

Dal Diario di bordo di Samantha Cristoforetti:

Johnson Space Center (Houston, USA), 4 novembre 2013—Dopo un po’ di “addestramento culturale” l’altra sera organizzato dal compagno di equipaggio Terry, che ha portato Anton e me alla partita di football degli Houston Texans ed è stato così paziente da spiegarci le regole, la settimana di addestramento è iniziata questa mattina a tutta velocità con una simulazione piuttosto lunga, in cui abbiamo fatto pratica con il ripristino da una grave perdita di alimentazione elettrica: una di quelle brutte situazioni in cui perdete le comunicazioni con il controllo missione e, come equipaggio, dovete andare a fondo in procedure lunghe e contorte per portare la Stazione in una configurazione sicura.

Più tardi nella giornata, un altro po’ di lavoro preparatorio con Peggy per la nostra sessione di addestramento EVA di venerdì, e dopo una rassegna degli aspetti abitativi della Stazione. Questo comprende cose ovvie come gli alloggi dell’equipaggio, le attività di pulizia e manutenzione, il cibo,… ma anche alcuni piccoli dettagli divertenti, come tutti i diversi dispositivi che possiamo usare per posizionare e assicurare le cose in orbita.

La maggior parte dei rack sulla Stazione ha dei cosiddetti “seat tracks” (binari del seggiolino): nella foto potete vedere due di questi binari che corrono da sopra a sotto uno accanto all’altro nel mockup della ISS. E vedete anche alcuni dei dispositivi che possiamo assicurare in ogni punto su un seat track e che possono a loro volta essere usati per montare e orientare laptop, sistemi di fissaggio per i piedi, fotocamere, luci supplementari e altro.

Piccoli trucchi del vivere nell’avamposto dell’umanità nello spazio.

Nota originale in inglese, traduzione italiana a cura di Paolo Amoroso—AstronautiNEWS. Leggi il Diario di bordo di Samantha Cristoforetti e l’introduzione.

Samantha Cristoforetti

Dal 2009 è un’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Il lancio della sua prima missione, in cui trascorrerà circa sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale, è previsto per il 24 novembre 2014. È inoltre un ufficiale pilota dell’Aeronautica Militare Italiana con il grado di Capitano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.