Doppio collegamento per Luca Parmitano

Mentre fervono i preparativi per il rientro, previsto tra poche settimane, l’astronauta dell’ESA Luca Parmitano inserisce in agenda anche un nuovo collegamento radio per parlare con i ragazzi.

Oggi gli studenti del Convitto Nazionale “Vittorio Emanuele II” di Roma ed i giovani ospiti dell’ospedale Pediatrico Giovanni XXIII di Bari si sono messi in contatto con l’astronauta italiano che si trova a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Impegnato nella missione di lunga durata “Volare”, frutto di un accordo tra l’Agenzia Spaziale Italiana e la NASA, Luca Parmitano farà ritorno sulla Terra agli inizi di novembre con la stessa capsula Soyuz che a fine maggio lo aveva portato, insieme ai compagni di equipaggio della spedizione 36/37, sulla Stazione.

Durante il collegamento, si è parlato di quali emozioni ha provato nello spazio sia durante la vita a bordo che nel suo incessante fotografare, attività che ci ha regalato bellissime immagini da 400km di distanza.

Tanti dettagli poi sulla Stazione, dall’orbita alla velocità, alle tecniche di aggancio dei veicoli in arrivo, compresa la navetta Soyuz che li ha trasportati, passando per la vita di bordo e le ricerche scientifiche con particolare riguardo al ritorno che i risultati di tali ricerche possono avere per aiutarci a comprendere meglio le malattie sulla Terra.

Queste iniziative sono organizzate nell’ambito del programma educativo internazionale ARISS (Amateur Radio on International Space Station), e coordinate, in Italia, dall’AMSAT Italia.

Fonte: ESA

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.