L-429: La “via ferrata” dello spazio

Samantha Cristoforetti in tuta Orlan viene calata nell'Hydrolab di Star City. Fonte: Samantha Cristoforetti
Samantha Cristoforetti in tuta Orlan viene calata nell'Hydrolab di Star City. Fonte: Samantha Cristoforetti

Dal Diario di bordo di Samantha Cristoforetti:

Star City (Mosca, Russia), 28 settembre 2013—È un fine settimana freddo e grigio a Star City.

Il momento giusto per sedersi a casa con una buona tazza di tè e buttare giù qualche “insegnamento appreso dall’esperienza” delle sessioni di addestramento della settimana scorsa all’Hydrolab. Non so quando indosserò di nuovo la tuta Orlan, e avrò fatto talmente tante cose diverse fra ora e allora, che prendere appunti è vitale. Naturalmente, è disponibile della documentazione standard sull’addestramento, ma dovete anche capire il modo di fare le cose che funziona meglio per voi. Immagino che valga per molte cose nella vita!

I due spessi cavi blu con i grandi moschettoni che vedete nella foto sono quelli che usiamo per assicurarci alla struttura. Vi muovete lungo i corrimano alla maniera della “via ferrata”: sganciate un moschettone, attaccatelo al prossimo corrimano, sganciate l’altro… e così via. Naturalmente, non assicurate entrambi allo stesso corrimano, o almeno abbiate un punto d’appoggio in mezzo: l’idea è che, se un corrimano dovesse mai staccarsi, avreste l’altro cavo che vi tiene al sicuro.

Nota originale in inglese, traduzione italiana a cura di Paolo Amoroso—AstronautiNEWS. Leggi il Diario di bordo di Samantha Cristoforetti e l’introduzione.

  Questo articolo è © 2006-2022 dell'Associazione ISAA - Licenza

Samantha Cristoforetti

Ingegnere ed ex ufficiale dell'Aeronautica Militare, dal 2009 è un’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Ha volato nello spazio per 199 giorni, dal 23 novembre 2014 all'11 giugno 2015 per la missione Futura, svoltasi a cavallo tra Expedition 42 ed Expedition 43.