ISS Daily Report – Mercoledì 17 Novembre 2010

ISS Daily Report Mercoledì 17 Novembre 2010

A conclusione di EVA-26, Fyodor ha  lavorato al ripristino delle condizioni del cargo Progress 39P (riposizionamento condotte di ventilazione e riscaldamento, rispristino condizioni standard del meccanismo di docking, disattivazione dei sistemi di bordo).

In DC1 continuano i cicli di scarica/carica delle batterie usate per le Orlan. Sempre in DC1, Oleg ha speso circa 2 ore tra la pulizia dell’attrezzatura usata all’esterno, la verifica del materiale esaurito da gettare e lo stivaggio di quanto era stato raccolto per l’EVA.

Fyodor Yurchikhin ha riservato circa un’ora, per iniziare ha immagazzinare e imballare il materiale da far tornare a Terra con il modulo di discesa della Soyuz TMA-19 (tra l’altro la partenza di Shannon, Fyodor e Wheelock è stata posticipata dal 25 al 29/11, per un problema di sicurezza e spazio aereo ristretto, legato ad un evento internazionale organizzato ad Astana capitale del Kazakistan).

Shannon si è occupata tra le altre cose anche delle seguenti attività:
* service e ricalibrazione dei due strumenti CSA-Oxygen.
* service al WRS (Water Recovery System) e alcune riconfigurazioni temporanee.
* prelievo di campioni in Nodo3 utilizzando TOCA (Total Organic Carbon Analyzer).
* controllo status del BCAT-5 (Binary Colloidal Alloy Test-5).
* controllo attrezzatura PPFS (Portable Pulmonary Function System).

Tra le attività di Kaleri, troviamo:
* rinfrescatina di un’ora circa degli ambienti, con ossigeno proviente dal serbatoio del cargo 39P.
* controllo dei sensori di flusso aria posizionanti lungo il segmento russo.
* configurazione del sistema per la ricezione e registrazione della telemetria della Soyuz.
* ispezione preliminare all’attrezzatura TVIS.

Tra quelle di Oleg ci sono:
* controllo dei campioni prelevati durante EVA-26. Il materiale isolante multistrato, prelevato non in una ma in due differenti posizioni (valvola di sfogo idrogeno di Elektron e su DC-1) è stato controllato per verificare, tra gli strati del tessuto, l’eventuale esistenza di microorganismi e di FORP (Fuel/Oxidizer Reactive Products).
* service al sistema di supporto vitale SOZh.
* aggiornamento dell’inventory management system.

Russian BVS Computer System: dopo che era stato perso il canale-1 (su tre presenti), del TVMTerminal Computer System presente nel modulo SM, il sistema è stato riavviato e tutti e tre i canali, sono nuovamente operativi.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.