ISS Daily Report – Giovedì 25 Novembre 2010

ISS Daily Report Giovedì 25 Novembre 2010

Giornata di Thanksgiving in USA, giornata di partenza per TMA-19 e giornata in cui vede in attività il nuovo comandante Scott Kelly.

La tabella del ciclo sonno/veglia é stata variata per accomodare l’orario di partenza della Soyuz TMA-19, con il ritorno al normale ciclo già da domani.

Scott Kelly ha eseguito alcune attività di pre-undocking, in genere di registrazione degli ultimi dati riguardo gli esperimenti da spedire a Terra:
* terminato il dry-out per Kubik in Columbus e copiato i dati dell’incubatore che riguardano SPHINX, già impacchettato e stoccato.
* recupero dell’equipaggiamento di scoperta e allerta sulla presenza di formaldeide, di cui Wheelock aveva disposto alcuni sensori in vari posti in US Lab e SM, posizionati in modo da essere investiti dal flusso dei convogliatori d’aria.

Oleg ha quindi attivato e verificato che IZGIB sia operativo per la registrazione delle vibrazioni strutturali, causate dalla separazione della Soyuz. Registrazioni che andrannno ad alimentare un database che servirà per lo studio dei modelli dinamici.
Shannon nel frattempo ha recuperato un ulteriore kit sperimentale da KIBO, il Jaxa PCG (per lo studio delle proteine cristallizzate) e passato a Oleg e Fyodor per lo stoccaggio.
Fyodor ha quindi comunicato che il carico nel modulo di discesa era stato completato.

La Soyuz è stata attivata da Fyodor, che ha iniziato i controlli pre volo e un test delle comunicazioni VHF via RGS (Russian Groundsite). La telemetria della Soyuz sarà seguita da bordo della ISS da Kaleri.
I thrusters russi del controllo di assetto sono stati quindi disabilitati per evitare correzioni mentre gli astronauti rimuovevano i serraggi di sicurezza (che hanno un discreto carico di serraggio) del meccanismo interno del sistema di docking.

Prima dell’ingresso dell’equipaggio nella Soyuz, Kaleri ha verificato sia il sistema di comunicazioni interna che l’apparato radioamatoriale fosse spento, per evitare possibili interferenze con i sistemi di undocking.
A questo punto alle ore 5:10 pm, l’equipaggio in partenza ha preso posto all’interno del modulo di discesa.

Reboost ISS: il reboost è stato condotto con successo alle ore 12:03 am, EST. L’accensione é stata di 7 min e 38 sec, con un delta-V di 0.92 m/s e l’innalzamento è stato di 1620 metri. Lo scopo, quello di perfezionare la posizione per l’arrivo del Discovery come pure per il lancio della Soyuz TMA-20 il prossimo Dicembre.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.