ISS Daily Report – Sabato 24 Aprile 2010

ISS Daily Report Sabato 24 Aprile 2010

In data di oggi, 43 anni fa, Vladimir Mikhaylovich Komarov diventava il primo essere umano a perire in una missione spaziale. Il cosmonauta dell’allora Unione Sovietica morì dopo la mancata apertura del paracadute della sua Soyuz 1. Nella stessa data, 20 anni più tardi veniva lanciato Hubble Space Telescope a bordo di STS-31 Discovery.

L’equipaggio ha avuto una giornata impegnativa, sono iniziate le operazioni di trasloco di T2 COLBERT. Skvortsov ha dato una mano nella raccolta di tutti i componenti rimossi per eseguire il distacco dell’attrezzo, ha poi proseguito documentando con macchina fotografica i vari passaggi del trasloco. Mentre Tracy si è occupata del telaio, Soichi si è dedicato alla parte elettrica raccogliendo cablaggi, e sub sistemi elettronici.
Quasi contemporaneamente si procedeva alla preparazione del CQ che andrà ad occupare il posto di COLBERT in Nodo2.
Nel segmento russo, Kotov ha invece lavorato alla configurazione di TVIS per il collaudo, dal momento che TVIS è ormai completamente sistemato.

Reboost aggiornamento: il reboost avvenuto alle 4:30 pm EDT è stato nominale e l’accensione di 20 min e 45 sec, rispettata nonostante un piccolo over burn. L’altitudine è stata infatti incrementata di 5420 metri contro i 5380 previsti. Da qui si comprende la spaventosa precisione con cui si lavora, infatti un leggerissimo over burn ha portato ad uno scartamento di 40 metri in più, che resta comunque all’interno dello scartamento giudicato normale, del 5%.

Vozdukh avaria: il sistema dopo l’allarme di ieri, oggi è ripartito. Mosca ha quindi speculato sul fatto che la valvola sta effettivamente facendo i capricci, un reset e un riavvio con i parametri di condizione iniziale ha fatto ripartire il sistema. Resta in valutazione il problema.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.