ISS Daily Report – Venerdì 12 Marzo 2010

ISS Daily Report  Venerdì 12 Marzo 2010

Oleg Kotov ha lavorato in modo estensivo alla configurazione dei cavi che insieme allo switch-router formano il network del modulo russo SM. Ha quindi speso diverse ore per orchestrare i tests dei nuovi collegamenti (interazioni tra laptops, connessioni intermodulari, segnali video, etc etc)

Nella tarda giornata, Mosca ha riattivato il generatore di Ossigeno Elektron, con Oleg che controllava le temperature dell’unità di purificazione secondaria (controllo, che nei primi 10 min di funzionamento di Elektron va eseguito sempre, per evitare surriscaldamenti dovuti a eventuali bolle d’aria).

Anche oggi sono proseguiti vari test con il braccio robotico giapponese, che ora è completo del suo speciale manipolatore SFA (Small Fine Arm). Soichi, assistito da Creamer, ha quindi concluso il programma di prove senza incontrare problemi.

Jeff Williams dopo aver attivato MSG (Microgravity Science Glovebox), ha eseguito una ulteriore ricerca guasti del dispositivo SODI (Selectable Optical Diagnostics Instrument), in questo caso re-installando nuovamente SODI più altro hardware a lui associato. Una volta terminato, gli specialisti a terra proveranno da remoto diversi comandi per testare la funzionalità e vedere se il problema è stato risolto.

Il comandante Williams ha inoltre condotto un troubleshooting anche su ALTEA, eseguendo della documentazione fotografica per le ispezioni dei specialisti, verificando le connessioni e restando a disposizione per ulteriori verifiche.

Durante EVA-3, nella prossima missione 19A, il braccio robotico SSRMS verrà utilizzato per il recupero di ATA (Ammonia Tank Assembly) dal segmento S1 del traliccio della Stazione. Soichi ha quindi eseguito un’esercitazione simulata per adempiere a questa prossima operazione extraveicolare.

Rigenerazione METOX, aggiornamento: le analisi del probema continuano, e la prima causa dell’anomalia (il fatto  di non raggiungere la temperatura sufficiente per rigenerare le cartucce METOX all’interno dell’apposito fornelletto) sembra essere un’insufficiente voltaggio dell’unità rigeneratrice, associata ad una insufficiente circolazione all’interno del fornelletto. Al momento sono raccomandate alcune azioni di controllo tra cui anche la verifica atmosferica all’interno del Airlock (i cui si trova il rigeneratore delle METOX) e della ripresa video delle guarnizioni di tenuta del rigeneratore.

COL DMS aggiornamento: Il Data Management System di Columbus, fuori servizio da un po’ di tempo per i problemi arrecati al C&C MDM (Command & Control Multiplexer/Demultiplexer computer), è stato ora completamente ripristinato e ben configurato, nelle sue funzioni.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.