ISS Daily Report – Sabato 13 Marzo 2010

ISS Daily Report  Sabato 13 Marzo 2010

Jeff Williams ha lavorato al meccanismo di ARED per disabilitare due cavi che sono stati trovati danneggiati (uno logorato e l’altro attorcigliato). Senza l’uso di questi cavi di arresto, ARED è possibile usarlo in modalità ridotta, in cui sono escluse alcune movimentazioni.

Suraev ha eseguito il downlink del video in alta definizione, girato negli ultimi giorni a favore del canale televisivo russo TVT e che riguarda la trasmissione “News From Weightlessness”
Alle 10:10 am, Suraev e Kotov hanno condotto una sessione radioamatoriale con studenti e personalità municipali della citta di Orel – Russia.

IWIS Thruster Test, aggiornamento:
il test IWIS in combinazione con i thrusters russi eseguito il 12/03 per “eccitare” il pannello solare 4A (che insieme al 2A fanno la coppia più vicina alla Stazione sul lato di Cupola) e valutare e misurare le dinamiche strutturali, è stato annullato. L’annullamento è dovuto all’alto numero di desaturazione di CMG (Control Moment Gyroscope) e l’andare ad aumentare l’errore sull’assetto della ISS (almeno altri 15° di imbardata – aeronauticamente parlando). Il test verrà quindi procrastinato.
Due parole su IWIS (Internal Wireless Instrumentation System):IWIS è un sistema che monitora l’integrità strutturale della stazione ISS. Questa interessante strumentazione permette, tra l’altro, l’analisi e quindi la comprensione del comportamento strutturale a fronte dei re-boost oppure o delle sequenze di accensione dei trhusters da parte del RCS (Reaction Control System), quando ad esempio lo Shuttle è agganciato alla stazione. Questi dati, sincronizzati, cambiavano di volta in volta a seconda delle evoluzioni strutturali della ISS. Lo IWIS wireless, minimizza il tempo necessario alla posa e cablatura dei cavi/collegamenti. Inoltre, dal momento che alcuni tipi di accensioni dei thrusters devono essere eseguite in sicurezza, con i portelloni di tenuta intermodulari chiusi, la trasmissione dati IWIS è fondamentale.

SSU Shunt Test:
il giorno 15/03 MCC Houston darà il via al periodico test di efficianza dei pannelli solari, e che serve per valutare lo stato di degradazione delle celle fotovoltaiche. Prima del test, i BGA ((Beta Gimbal Assemblies – i gruppi di rotazione) verranno posti in modalità Autotrack per migliorare la potenza generata in fase di test (al momento sono in modalità dual angle, cioè non automatica). Durante il test, l’uscita di potenza del circuito dei pannelli solari verrà deviato per 10 min prima dell’ingresso nella zona d’ombra della Terra (e riavviati 2 min dopo l’entrata in ombra), in questo modo si può calcolare l’energia prodotta e determinare l’efficienza dei pannelli. E’ normale che i pannelli in ambienti difficili come quello spaziale si degradino col tempo, questo il motivo delle periodiche verifiche (generalmente, due volte l’anno).

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.