ISS Daily Report – Giovedì 25 Febbraio 2010

ISS Daily Report  Giovedì 25 Febbraio 2010

Maxim Suraev ha portato al termine la ricarica delle batterie dell’esperimento Kelvin KPT2 e ha iniziato il processo con quelle dell’esperimento TT2.  L’obiettivo di EXPERT è di misurare i parametri ambientali (temperatura, umidità e flusso dell’aria) presenti sui pannelli posteriori (nascosti) più altre aree, che potrebbero essere suscettibili alle corrosioni, soprattutto a seguito dei continui stati di insolazione (giorno/notte).

Suraev supportato gli specialisti, ha portato nelle condizioni nominali il KTsP1 (Central Post Computer 1), TsVM (Central Computer), TVM (Terminal Computer) e il KTsP2, tutto ciò a seguito dell’anomalia creata una settimana fa, dal Columbus Control Center al C&C MDM (Command & Control Multiplexer/Demultiplexer).
Oggi è invece il turno di Oleg, per dedicarsi all’attività di preparazione al rientro in gravità con l’uso della speciale “tuta” Chibis. Questa volta è Suraev a fare da CMO (Crew Medical Officer).
Dopo una prima serie di test eseguiti ieri, Jeff Wiliams ha condotto la seconda parte di test acustici, registrando i dati dai dosimetri utilizzati sulle tute dei residenti e collezionando misure statiche in vari punti della ISS.

Con il dispositivo UPA (Urine Processing Assembly) al momento attivo e sotto controllo da remoto, Williams ha completato un’altro riempimento manuale del suo WSTA (Wastewater Storage Tank Assembly) e un’altro riempimentto è previsto in tarda serata. Tra l’altro per controllare la qualità dell’acqua potabile a bordo, Williams ha raccolto dei campioni dal distributore/dispenser, che comunque per gli esami si attenderà il ritorno con il prossimo Shuttle.

Dopo aver indossato la tuta Sokol, Jeff Williams ha condotto un’altro check sul suo sedile all’interno della Soyuz TMA-16, la verifica si rende necessaria per porre rimedio ad eventuali variazioni nell’associazione tra corpo dell’astronauta ed il sedile, che ha il delicato compito di assorbire gli shock da rientro e atterraggio in Kazakhstan.

TJ Creamer ha lavorato a lungo all’interno di US Airlock eseguento la manutenzione alle EMU (come al serbatoio di acqua, al circuito di raffreddamento, al trattamento biocida, alla sostituzione dei filtri ecc.)
Dopo aver eseguito una riparazione/sostituzione a seguito di una rottura di un ammortizzatore passivo di ARED, ed eseguito foto e una prova a vuoto, oggi Jeff e TJ hanno fatto un test in condizioni normali, provando diversi esercizi. Al momento ci sono vari ricambi di questo tipo a bordo, però è anche vero che si stanno verificando rotture dopo lo stesso numero di cicli di lavoro.

Alle 3:33 am, TJ Creamer ha condotto un collegamento radioamatoriale con gli studenti della scuola primaria Doncaster  – Victoria, Australia.

ECLSS – aggiornamento:
* WPA e ora anche UPA sono operativi.
* l’urina verrrà pompata manualmente nel WHC (Waste & Hygiene Compartment) dal momento che una valvola a tre vie ha un malfunzionamento e per altre restrizioni nell’uso del WSTA (Wastewater Stowage Tank Assembly) .
* nei prossimi giorni, una quantità extra di urina verrà processata per svuotare più di un  contenitore EDV-U in accordo con la rotazione programmata tra il prelievo in WHC e il versamento per UPA. Gli specialisti vogliono anticipare un surplus di acqua potabile (trattata con iodio) da raccogliere nei contenitori CWC per avere una certa scorta.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.