ISS Daily Report – Giovedì 03 Dicembre 2009

ISS Daily Report  Giovedì 03 Dicembre 2009

Dopo aver rimosso l'equipaggiamento MWA (Maintenance Work Area) dal Columbus al laboratorio KIBO, Jeff Williams ha iniziato a lavorare al payload TAGES sponsorizzato da NASA.  TAGES è uno dei due esperimenti che utilizzano ABRS (Advanced Biological Research System).
ABRS è una unità contenuta in un box compatibile sia con il rack presente a bordo dello Shuttle sia con quelli presenti a bordo della ISS. L'unità ha due camere di crescita vegetale e ogni camera è indipendente, in grado di controllare in modo autonomo temperatura, illuminazione, composizione atmosferica e quindi crescere una grande varità di organismi biologici
TAGES Transgenic Arabidopsis Gene Expression System: utilizza Arabidopsis thaliana come organismo modello per la genetica e la biologia molecolare e cellulare delle piante. Si tratta di una pianta molto comune ma ideale per la creazione di mappe genetiche e per il sequenziamento del genoma (qui su Wikipedia). L'esperimento vuole dimostrare la capacità di produrre hardware in grado di fornire l'ambiente corretto per la crescita vegetale a bordo di veicoli spaziali. Sulle esplorazioni di lunga durata, gli equipaggi dovranno infatti essere in grado di crescere piante per una vasta varietà di applicazioni.

Poi Williams si è dedicato ai nuovi Laptop T61p, portando avanti il lavoro in essere, per la loro implementazione a bordo della Stazione.

Maxim ha invece proseguito con i controlli di routine di FGB e SM e ha supportato il nuovo esperimento scientifico Mermaid eseguendo delle osservazioni solari attraverso l'oblò di SM.
Suraev ha inoltre eseguito una serie di fotografie da inviare a Terra per dare il modo di verificare lo stato della superficie interna del dispositivo di docking nel tranfer compartment di SM. Maxim non ha mancato di eseguire una serie fotografica dell'esperimento Russo Plants-2, in cui si sta coltivando insalata del tipo Mizuna

– alle 10:00 am EST, Jeff Williams ha condotto una verifica del segnale delle comunicazioni di emergenza eseguendo dei check con le stazioni di Terra di Dryden, White Sands, Wallops, Houston, Mosca e Tsukuba.
– alle 11:05 am EST, sempre Williams a eseguito un'ora di training video per l'approntamento della nuova capacità CSL (Crew Support Local Area Network). La fase-1 della nuova LAN fornirà accesso Internet Live all'equipaggio  (inizialmente solo sul lato USOS), in piena sicurezza e ogni volta che sia presente il segnale Ku-band. L'accesso sarà realizzato con una connessione remota su un desktop basato su server Citrix (a Terra) e che ospita un desktop virtuale di cui l'equipaggio vede solo l'immagine, del desktop remoto che esegue la navigazione in Internet. Ovviamente il sistema CSL è un network virtuale completamente separato dalla rete LAN reale della Stazione ISS. Userà un Laptop A31p (client1) e un CSL server (crewlan server) entrambi in Nodo-2 per la sperimentazione. Il sistema sarà poi allargato a 4 clients.

BGA 2B, anomalia: si è manifestato un problema al giunto cardanico BGA 2B (Beta Gimbal Assembly 2B) del pannello solare, che si è inceppato a 81,5°. La porta SARJ (Solar Array Rotary Joint) resta in “parcheggio a 15°. Sembra che non ci siano eventi o sovraccarichi elettrici e il canale di alimentazione sembra non abbia problemi. Al momento si sta investigando sul problema, ma qualsiasi azione correttiva andrà fatta dopo il 7/12 con l'avvenuto rilascio del modulo di servizio (da deorbitare) ancora agganciato a MRM2.

MRM2 aggiornamento: il pannello di allerta di MRM2 continua a generare malfunzionamenti e Mosca sembra avere identificato la causa in uno dei test eseguiti a Terra e che ha innescato il problema. Viene confermato che nessun altro sistema di MRM2 è interessato da questa anomalia localizzata nel Caution & Warning panel.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.