ISS Daily Report – Venerdì 23 Ottobre 2009

ISS Daily Report  Venerdì 23 Ottobre 2009

Oggi, la Stott si è dedicata all’Express Rack4 presente in Kibo, su cui ha installato cavi di collegamento e configurato il nuovo payload DECLIC (Device for the Study of Critical Liquids & Crystallization) che occupa ben due vani del rack.

Bob Thirsk ha invece lavorato al sistema antincendio FDS (Fire Detection & Suppression) di Nodo-1, ripulendo moduli e sensori e verificando che alcuni dispositivi, non fossero ostruiti da sporcizia o altro.
Difatti lo stesso Thirsk, ispezionando il sistema di ventilazione intermodulare lì vicino, ha trovato la griglia del filtro ostruita da un materassino di lanuggine e particelle di cibo. Ma in questo caso, essendo la griglia posta sull’ingresso di aspirazione tutto ciò è prevedibile, e fa parte dei controlli programmati.

All’interno dellUS Airlock Nicole ha terminato una serie di ricariche delle cartucce METOX (che servono all’interno delle tute EMU, come pure nello stesso Airlock, ad assorbire l’anidride carbonica).

Oggi sono state eseguite una multitudine di collegamenti verso Terra:
* Maxim Suraev si è collegato con Mosca e Huston per un rendiconto sul materiale portato dalla Progress e che stanno stivando a bordo.
* Stott, Williams, Thirsk e DeWinne con NASA Crew Science Officer hanno discusso per mezz’ora su attività, avanzamenti e osservazioni sui payload scientifici.
* gli stessi sono poi passati per il controllo di Huston per discutere con gli specialisti dello stato della situazione dei materiali immagazzinati e le eventuali problematiche.
* DeWinne in collegamento con lo staff ESA e il team che segue il Columbus, per un aggiornamento sulla situazione generale del Laboratorio europeo.
* lo stesso DeWinne ha supportato un collegamento PAO TV scambiando quattro chiacchiere e saluti con i partecipanti della prima conferenza EU-ESA sulla esplorazione spaziale dell’uomo, presenti in Praga. Il collegamento era moderato da Mr. Claudie Haignière ex-astronauta ESA, due volte ministro e attuale presidente della Cité des Sciences et Industries in Paris. La conferenza vuole essere il primo passo di una visione europea in questo campo ed è diretta conseguenza del 5° Space Council tenuto nel Settembre 2008.
La conferenza è una sessione di “brainstorming” ad alto livello politico, dove i ministri avranno la possibilità di presentare le prime linee guida di ESA e della UE, per una politica di sviluppo in materia di esplorazione.
* l’intero equipaggio si è collegato con il direttore di volo per il regolare report settimanale sullo status del volo ISS.
* non sono mancati collegamenti con gli studenti della CEM IV, scuola in Senegal, con gli studenti di una scuola in Belgio e di una scuola secondaria nei territori del nord in Canada.

Avatar:
Thirsk ha chiesto una ripetizione della sessione con Avatar Explore.
Avatar è un interessante esperimento canadese (CSA) che vuole sviluppare un software robotico di comunicazione, autonomo. Questo software permette a Thirsk, a bordo della ISS, di interagire da remoto sui controlli di un rover robotizzato sulla superficie di Marte, ovviamente una simulazione chiamata Mars Emulation Terrain. Il simulatore si basa sul tempo tecnico di andata e ritorno dei comandi, tipici delle operazioni interplanetarie e per questo motivo tutte le interazioni sono condotte off-line. Per valutare la telemetria del rover in ingresso e quindi dare una risposta sulle azioni da intraprendere, Thirsk usa una interfaccia GUI che gli permette di interagire in diversi modi che non solo tramite la tastiera in cui inserire dati manualmente.

MELFI-2
le ricerche guasti di questi giorni ha portato ad un risultato positivo e il freezer è tornato ad essere pienamente operativo.

Ku-Band, perdita di segnale:
Mercoledì scorso, durante la notte, il sistema di trasmissione di bordo Ku-Band ha cessato di trasmettere durante il periodo LOS (Loss of Signal). Dopo alcuni ripetuti tentativi di On/Off, il sistema è tornato ad operare in modo nominale. La Stazione è restata senza Ku-Band per quasi 6 ore, e da Terra, via S-Band hanno analizzato quale poteva essere la causa. Al momento però, le indagini sono ancora in corso.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.