ISS Daily Report – Sabato 01 Agosto 2009

ISS Daily Report  Sabato 01 Agosto 2009

I sei membri di equipaggio hanno svolto le classiche operazioni di “home cleaning” di fine settimana estendendo  le operazioni a quasi tutti i moduli, ventole e per questa volta (ogni 3 mesi) anche ai filtri antibatterici ad alta efficienza… e con una attenzione particolare per l’angolo dedicato ai pasti.

alle 9:06 am EDT, l’equipaggio ha condotto la loro regolare conferenza settimanale per la discussione del programma lavori della settimana successiva e degli eventi orbitali previsti.

L’equipaggio ha poi speso il suo tempo libero in diversi modi, pescando soprattutto dalle attività presenti nell’elenco VolSci (Voluntary Weekend Science):
* Barratt e DeWinne hanno scelto CCISS (Cardiovascular & Cerebrovascular Control on Return from ISS) iniziando a sistemare la relativa attrezzatura e successivamente iniziando lo stesso esperimento, con DeWinne in qualità di operatore video e assistente. CCISS sudia gli effetti che i voli di lunga durata hanno sulle funzioni cardiache e dei vasi sanguigni che portano sangue al cervello. La comprensione dei cambiamenti indotti al sistema cardiovascolare e cerebrovascolari a zero-g, potrebbero portare ad efficaci contromisure biomediche e protezioni a vantaggio, dei futuri viaggiatori spaziali.
* in seguito DeWinne si è dedicato all’esperimento inSPACE-2 attivando MSG (Microgravity Science Glovebox) all’interno di Columbus. InSPACE-2 si occupa dello studio di una nuova classe di “smart materials” che, riguarda sostanzialmente fluidi con all’interno un’alta percentuale di microparticelle ferrose, che sotto l’effetto di campi magnetici variano le loro proprietà meccaniche. Sembrerebbe che i possibili impieghi siano ampi; dai nuovi sistemi frenanti, a sottosistemi in aviazione, etc etc.

All’interno di NODO-2, si è inoltre lavorato per metter via il dispostivo a cartucce LiOH che erano serviti ad asportare il gas CO2 durante il fuori servizio di CDRA.

Reboost:
Oggi la Stazione ha eseguito un reboost nominale utilizzando proprio i thrusters della Progress 34P. Il reboost di aggiustamento, si rende necessario dopo il distacco dello Shuttle Endeavour. L’accensione è durata 7 min e 38 sec e l’altitudine è stata incrementata di 2200 metri.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.