STS-127: Lavori sull’ET-131

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Con la sostituzione della guarnizione ed il riposizionamento del connettore rapido del Ground Umbilical Carrier Plate (GUCP), le cui perdite di idrogeno hanno causato i recenti rinvii, procedono regolarmente i preparativi in vista della prova di riempimento che avverrà settimana prossima.

Gli ingegneri hanno lavorato su tre turni per analizzare i dati accumulati dai due scrub consecutivi e dalle conseguenti operazioni di rimozione del GUCP, inoltre un team ha testato positivamente le operazioni di rimontaggio su di un simulacro direttamente nel VAB.

Durante il prossimo test di riempimento, dei manometri installati sull'ET forniranno ulteriori dati che serviranno a comprendere definitivamente il problema. I bulloni esplosivi che al momento del lancio sganciano rapidamente il GUCP sono stati inviati al Marshall Space Flight Center per delle verifiche non distruttive.

Le aspettative per il test sono ottimistiche in quanto la causa principale delle perdite occorse è stata individuata nell'errato allineamento tra i componenti del dispositivo, il tutto è stato confermato da misurazioni ottiche di precisione effettuate in settimana.

La call to stations avverrà lunedi 29 ed il riempimento dell'ET dovrebbe cominciare alle 13.00 CEST di mercoledì 1 luglio, il lancio verso la ISS rimane sempre previsto per sabato 11.

Simone Montrasio

Appassionato di astronautica fin da bambino, gli studi ed il lavoro mi hanno tenuto occupato nel settore chimico industriale fino al 2011 quando ho deciso di cambiare completamente vita e dedicarmi alla campagna. Collaboro felicemente con AstronautiNEWS dalla sua fondazione con una pausa sabbatica tra il 2011 ed il 2013.

Potrebbero interessarti anche...