ISS Daily Report – Lunedì 29 Giugno 2009

ISS Daily Report  Lunedì 29 Giugno 2009

Thirsk a fronte di una sessione del programma EPO (Educational Payload Operation) ha piazzato la camcorder per la registrazione della demo, che mostra Wakata e Barratt al lavoro con l’attrezzatura SLAMMD (Space Linear Acceleration Mass Measurement Device – misuratore di massa corporea). In seguito lui, Koichi, Bob e Frank DeWinne si sono sottoposti alla misurazione.

Romanenko ha tirato fuori la copertura del portellone rimosso con la precedente EVA-23 e ha scattato diverse fotografie delle due superfici della copertura (che, ricordiamo, si sbriciolava facilmente) a titolo di documentazione per gli specialisti a Terra.

Commander Padalka, ha riservato parecchie ore per gli ultimi preparativi prima del distacco della Progress 33P prevista per domani 30/06, alle 2:30 pm. Tra le varie operazioni:
* ultimi stivaggi del materiale da gettare con il relativo aggiornamento del database IMS  (Inventory Management System).
* Attivazione della avionica di bordo del cargo.
* rimozione dei ganci di sicurezza d’attracco e chiusura del portellone, esecuzione del test di 60 min. per la verifica di eventuali perdite delle tenute.
* invio a Terra della documentazione video di tutte le operazioni, per un riesame da parte degli specialisti.

La Progress una volta lasciata la Stazione resterà in orbita in volo controllato e simulerà un rendevouz con la Stazione il 12 Luglio (ma questo dipenderà dalle restrizioni/vincoli delle condizioni solari).

All’interno del Columbus, Thirsk ha eseguito la sua seconda ICV (Integrated Cardiovascular) in qualità di soggetto, assistito da DeWinne.
I due, in seguito hanno eseguito una sessione di prove con il software POC DOUG (Portable Onboard Computers/Dynamic Onboard Ubiquitous Graphics) il software che fornisce la rappresentazione grafica della stazione e di come si muovono nelle tre dimensioni i bracci robotici, anche in tempo reale.

Si è “manifestato” un piccolo guasto al TVM russo. Il TVM Terminal Computer System ha sofferto un problema minore al software, che ha perso una breve sequenza di dati. In ogni caso nulla di preoccupante a livello di operazioni e si sta procedendo per sistemare l’errore.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.