ISS Daily Report – Lunedì 08 Giugno 2009

ISS Daily Report  Lunedì 08 Giugno 2009

Romanenko, Thirsk e DeWinne si sono impegnati nel periodici esami sullo stato di salute (US PHS) che non prevedono esami del sangue. Per la valutazione del soggetto, vengono utilizzati i classici strumenti del medico di base (stetoscopio, termometro, dispositivo automatico per controllare la pressione del sangue, ecc. ) tutti i dati vengono poi registrati nel programma MEC (Medical Equipment Computer).

Gennady Padalka e Mike Barratt hanno preparato l’area SM PkhO (compartimento di trasferimento del modulo SM) per farlo diventare una sorta di piccolo Airlock per EVA-23 (in realtà una attività IVA – Intravehicoular Activity) in cui verrà sostituito un portellone di chiusura con uno di tipo conico. Quest’ultimo si rende necessario per il posizionamento del futuro Modulo Minilab MRM-2.

per l’occasione sono state eseguite le operazioni di base di pre-attività, ormai conosciute, quali:
* configurazione del sistema di comunicazione di PkhO per adattare i sistemi alla momentanea operazione.
* preparazione delle Orlan-MK e loro componenti.
* controlli di tenuta delle tute e verifica delle interfacce BSS di comunicazione.
* telemetria biomedica e sistemi delle tute
* ecc.

Nell’Airlock US Koichi ha lavorato sulle attrezzature che verranno usate per STS-127, quali accessori per la sicurezza (cavi, attacchi, ecc.)
Inoltre ha preparato le EMU (Nr. 3005 e 3006) con i loro SCU (Ombelicale per servizio & raffreddamento) e iniziato il processo di 60 min std di lavaggio, filtrazione e pulizia ionica. Poi è passato alla successiva fase di 2 ore con sostanze biocide. Al termine ha smontato e riposto il kit di lavaggio EMU.

Dopo aver eseguito la rotazione (all’interno del US Lab) del rack UPA (Urine Preocessor Assembly) per permetterne l’accesso, DeWinne e Bob Thirsk hanno configurato e usato un Laptop per caricare il software per l’UPA, al termine e dopo le dovute verifiche, il rack è stato riposizionato nella sua sede.

Romanenko, ha condotto una sessione del nuovo programma di osservazione “Seiner” che vuole essere di supporto alle attività dei vascelli di ricerca nell’ambito della pesca, per l’area a nord-ovest dell’Africa, tra le Canarie e le isole di Capo Verde. Il programma si basa esclusivamente sull’osservazione visiva, con l’ausilio di videocamere HD e fotocamere D2X.

Dopo aver ricevuto la timeline di STS-127, l’equipaggio ha organizzato una mezz’oretta di discussione dei dettagli della mission.

Wakata, Thirsk e Dewinne hanno analizzato l’ultima lista di trasferimento di materiale con Endeavour, e nel tardo pomeriggio è stato previsto un incontro in teleconferenza con il team a Terra.

Braccio robotico:
da remoto e quindi senza l’intervento diretto dell’equipaggio di ISS, è stato eseguito la “parte-1” di due giornate di prove di funzionamento del braccio robotico SSRMS e del suo manipolatore SPDM Dextre. Verranno eseguiti movimenti fino al Nodo-2 e poi parcheggiato nella posizione prevista, in attesa di Endeavour.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.