ISS Daily Report – Venerdì 3 Aprile 2009

ISS Daily Report – Venerdì  3 Aprile 2009

Con il passaggio del comando, diamo vita ai report sotto la nuova responsabilità di Expedition 19, con Gennady Padalka al Comando, Micheal Barrett FE-1 (Flight Engineer 1) e Koichi Wakata come FE-2.

Oggi, Fincke; Lonchakov e Simonyi hanno speso circa tre ore nel modulo di discesa di TMA-13, esercitandosi nella simulazione di rientro. L'esercitazione che comunque esclude ogni comando attivo (ad eccezione della visualizzazione della simulazione sui monitor) è stata condotta in stretto rapporto con i specialisti a Terra, del controllo di Mosca.

In seguito Yuri e Mike hanno condotto un'altra ora, all'interno del modulo di discesa (con il supporto del controllo terrestre) eseguendo alcuni test sull'hardware della navicella e una prova di pressurizzazione. E' stato inoltre eseguito un test di accensione dei soli motori di braking (retrorazzi). Prima di eseguire il test, le protezioni del US Lab e di Kibo sono state chiuse sui rispettivi oblò, e l'assetto della Stazione è passato sotto il controllo Russo, che ha poi predisposto la ISS in volo libero. I 60 sec di accensione sono scattati alle 05:30 am. Poi l'assetto è stato ripristinato ed è tornato sotto USOS (segmento americano) alle 06:30 am

In ambito delle nuove attività Gennady, aiutato da Yuri, ha eseguito un controllo e dell'attività di manutenzione sul dispositivo Vozdukh CO2 (sistema di rimozione della anidride carbonica).

L'intero equipaggio si è comunque radunato per diverse ore, nel proseguire con il passaggio di consegne in merito alle attività di bordo.

Soyuz TMA-13/17S:
considerate le pessime condizioni atmosferiche del sito di atterraggio nel nord del Kazakhstan, la Soyuz viene fatta rientrare nel sito di riserva a sud. Ciò comporta una variazione della timeline. Al momento, salvo modifiche, viene fissata per il 7 Aprile alle 11.52 pm EDT con atterraggio alle 03:15 am EDt del giorno 8 Aprile.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.