Lancio sperimentale di un razzo ibrido.

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

La Cina ha lanciato venerdì 5 dicembre il suo primo razzo a propellente ibrido dal poligono di lancio Jiuquan Satellite Launch Center. Dopo un volo di un quarto d’ora circa, il vettore è stato paracadutato a Terra e recuperato per la prosecuzione degli studi.
Il razzo chiamato Beihang-2, lungo 3417 mm e di 220 mm di diametro, ha raggiunto una quota di 3000 metri ed ha toccato il suolo a circa 1200 metri dal punto di lancio.
Il progetto del razzo è di 15 studenti e laureati della Scuola di Astronautica dell’Università di Aeronautica ed Astronautica di Pechino.
Il propulsore è studiato in modo da avere un sistema che miscela liquido e solido creando un sistema di spinta economico e intrinsecamente sicuro in quanto non può esplodere.

Il motore ibrido è già stato usato dallo SpaceShipOne della Scaled Composites, ma è una novità assoluta per la Cina.

Luigi Morielli

Luigi ha collaborato con AstronautiNEWS fino al luglio 2010. Da allora si e' trasferito in pianta stabile sul suo blog personale Astrogation - http://astrogation.blogspot.com - e cura la rubrica di Astronautica sulla rivista Coelum.