Definito piano di intervento per STS-122

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

E' stato definito oggi il piano d'intervento per scoprire la causa del problema ai sensori ECO, dal Program Requirements Control Board (PRCB) con l'intenzione di lanciare ai primi di Gennaio.
Il piano si muoverà su diversi fronti indipendenti, il primo sarà l'analisi di tutto l'hardware interessato sia su Atlantis sia utilizzando dei testbed per i vari sistemi, questo principalmente per trovare la causa del problema che rimane ad oggi sconosciuta. C'è però una serie di possibili cause che verranno valutate per individuarla:
– ET Sensor Failure Due To High Resistance Above False Dry Value Due To Broken Lead Wire
– ET LLCO (Low Level Cut Off) Harness High Resistance Due To Broken / Damaged Conductor – ET Connector High Resistance Due To Recessed Pin or Socket
– ET Connector High Resistance Due To Contamination that causes an Insulation Between the Pins and Sockets
– ET Wire Splice High Resistance Due To Broken / Damaged Conductor. Tolerance Stack Up in feed-thru connector.

Un'altro intervento è quello di individuare il componente corrotto attraverso un test sul pad all'ET, che consiste nell'utilizzo di un Time-Domain Reflectometer (TDR) che collegato ad un capo della linea di trasmissione invia un impulso e ne ascolta il riflesso, in base al tempo di ritorno si potrà individuare il punto dove la linea potrebbe essere danneggiata.
Questa è per ora l'ipotesi preferita anche dal PRCB.
Non è comunque un test semplice in quanto per avere dei dati precisi bisogna avere ben chiaro il tipo di risposta che un sistema "normale" darebbe e successivamente individuarne le differenze, in più c'è da smontare qualche componente nella parte posteriore dello shuttle per arrivare ai capi della linea di trasmissione.
Per avere maggiori dati si è anche proposto di eseguire quest'ultimo test in contemporanea ad un tanking test, almeno per il serbatoio dell'idrogeno in modo da avere un profilo del comportamento nelle varie fasi di riempimento.
Questo test però richiede la presenza di personale in rampa durante il travaso dell'idrogeno per cui dovrà avere l'approvazione delle commissioni di sicurezza, visto che solitamente la rampa in queste occasioni deve essere sgombra o con il personale ridotto al minimo.
Il test se verrà approvato sarà eseguito non prima del 17/18 Dicembre.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.