GLONASS libero

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

E’ stato firmato venerdì da Vladimir Putin un decreto che rende disponibile liberamente il sistema di navigazione Russo ai clienti che ne saranno interessati.
Il GLONASS è la versione Russa del sistema di navigazione americano GPS, dell’europeo Galileo e del futuro Compass cinese.
Il segnale civile, come si legge dalla pubblicazione, sarà completamente gratuito e senza limitazioni.
L’intera costellazione sarà di 24 satelliti nel 2009, ed entro la fine dell’anno saranno in orbita i primi 18 che saranno già operativi e utilizzabili.
Quest’anno il programma è costato 380 milioni di dollari e 181 lo scorso anno.
Il sistema sarà completamente integrato con GPS e Galileo e i ricevitori saranno compatibili per tutti e tre i sistemi.
Il primo satellite della costellazione fu lanciato nel lontano 1982, il sistema fu però lanciato ufficialmente solamente nel 1993.
Attualmente sono operative due versioni del satellite, il Glonass e il Glonass-M che è stato equipaggiato con un’antenna dedicata per usi civili, in futuro si prevede l’arrivo di una nuova versione il Glonass-K che farà a meno della piattaforma pressurizzata portando molti vantaggi fra cui la vita operativa che passerà da 7 a 10-12 anni.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.