A SpaceX, National Team e Dynetics i contratti per lo sviluppo del lander lunare

Le tre proposte selezionate da NASA – © NASA via Twitter

Pochi minuti fa l’agenzia spaziale americana ha annunciato i vincitori del contratto preliminare per lo sviluppo del prossimo lander lunare.

La scelta è ricaduta su SpaceX, sul consorzio National Team e su Dynetics, che hanno presentato tre proposte radicalmente diverse e che ora si contenderanno l’acquisizione della commessa finale. Il valore totale dei tre contratti di sviluppo è di 967 milioni di dollari, che saranno investiti nel corso dei prossimi 10 mesi.

Blue Origin è capocommessa del cosiddetto “National Team”, che include anche Lockheed Martin, Northrop Grumman e Draper Lab. Questo team ha proposto un lander a tre stadi che si basa sulle tecnologie consolidate provenienti da ciascuna delle storiche aziende aerospaziali americane.

La proposta di lander lunare di National Team – © NASA via Twitter

Dynetics e i suoi 25 sub-appaltatori hanno presentato un concept di lander a due stadi, che comprende un singolo elemento per la discesa e l’ascesa, e una cabina abitata che si troverà, una volta atterrata, molto vicina alla superficie lunare.

La proposta di lander lunare di Dynetics – (C) NASA via Twitter

Il lander proposto da SpaceX vede una soluzione a stadio singolo basata sul noto Starship, e comprende una dimostrazione di rifornimento in orbita e una missione lunare senza equipaggio.

La proposta di lander lunare di SpaceX – © NASA via Twitter

Ecco il video rilasciato da NASA, che mostra altre interessanti immagini (per ora solo in computergrafica) dei tre design promossi oggi.

Fonte: NASA

  Questo articolo è copyright dell'Associazione ISAA 2006-2024, ove non diversamente indicato. - Consulta la licenza. La nostra licenza non si applica agli eventuali contenuti di terze parti presenti in questo articolo, che rimangono soggetti alle condizioni del rispettivo detentore dei diritti.

Commenti

Discutiamone su ForumAstronautico.it

Marco Zambianchi

Spacecraft Operations Engineer per EPS-SG presso EUMETSAT, ha fatto parte in precedenza dei Flight Control Team di INTEGRAL, XMM/Newton e Gaia. È fondatore di ForumAstronautico.it e co-fondatore di AstronautiCAST. Conferenziere di astronautica al Planetario di Lecco fino al 2012, scrive ora su AstronautiNEWS ed è co-fondatore e consigliere dell'associazione ISAA.

Una risposta

  1. MayuriK ha detto:

    Davvero molto interessante. Non mi aspettavo francamente vedere la Starship con questa variante: i prossimi anni saranno entusiasmanti!