Strana scoperta del lander lunare cinese

Il rover lunare cinese Yutu-2, in missione di esplorazione del lato nascosto della Luna, ha scoperto la presenza di una strana sostanza insolitamente colorata che appare simile a un gel.

Lo scorso 25 luglio, giunto all’ottavo giorno della sua missione e guidato da Terra dagli specialisti del Mission Control Center di Pechino, Yutu-2 ha iniziato un cammino attraverso un’area disseminata di piccoli crateri.

Il 28 luglio, mentre venivano avviate le procedure previste per proteggere il rover dalle alte temperature e dalle radiazioni solari del “mezzogiorno” lunare, un membro del team che controllava le immagini della telecamera principale del rover individuò un piccolo cratere che sembrava contenere materiale di un colore e di una lucentezza diversi da quello della superficie lunare circostante.

Il team dei piloti del rover, entusiasta della scoperta, ha chiamato gli scienziati lunari per decidere insieme di interrompere il cammino del rover e analizzare lo strano materiale. Con l’aiuto delle telecamere, Yutu-2 si è avvicinato con estrema attenzione al cratere per poter procedere alle analisi con il suo spettrometro all’infrarosso (VNIS).

Finora, gli scienziati della missione non hanno offerto alcuna indicazione né fotografie della sostanza colorata, ma hanno fornito una sommaria descrizione: apparenza “gelatinosa” e “colore insolito”. Una possibile spiegazione, suggerita da ricercatori esterni, è che la sostanza possa essere del vetro fuso creato dall’impatto delle meteoriti che colpiscono la superficie della Luna.

La scoperta di Yutu-2 non è la prima sorpresa lunare. L’astronauta e geologo Harrison Schmitt, membro dell’equipaggio della Apollo 17, scoprì nel 1972 un terreno di colore arancione non lontano dal luogo di atterraggio del loro LEM. I geologi lunari alla fine conclusero che il suolo arancione ebbe origine da un’eruzione vulcanica esplosiva avvenuta 3,64 miliardi di anni fa.

Chang’e-4 è una missione del programma cinese di esplorazione lunare. La missione, lanciata all’inizio di dicembre 2018, prevede un orbiter, un lander e un rover per l’esplorazione del lato nascosto della Luna. L’atterraggio del lander è avvenuto il 3 gennaio 2019 nei pressi del cratere Von Kármán che è vicino al polo sud lunare. Il rover della missione, battezzato Yutu-2, ha iniziato quasi subito l’esplorazione della superficie lunare. Sul rover sono stati installati il Lunar Penetrating Radar (LPR), un radar in grado di penetrare fino a 100 metri di profondità e rivelare la struttura sotto-superficiale della Luna, e il Visible and Near-Infrared Imaging Spectrometer (VNIS), che consentirà l’identificazione dei materiali di superficie e dei gas presenti in tracce intorno al satellite.

Dopo essersi spento il 7 agosto, Yutu-2 si è risvegliato il 25 agosto per continuare il suo viaggio in direzione ovest alla ricerca di nuove scoperte che riescano a spiegare finalmente la natura di questa strana sostanza presente sul lato nascosto della Luna.

Fonte: Space.com

  © 2006-2019 Associazione ISAA - Alcuni diritti sono riservati.

Discutine con noi su ForumAstronautico.it

Sviluppi e aggiornamenti su questa notizia sono disponibili su ForumAstronautico.it

Marco Carrara

Da sempre appassionato di spazio, da piccolo sognavo ad occhi aperti guardando alla televisione le gesta degli astronauti impegnati nelle missioni Apollo, crescendo mi sono dovuto accontentare di una più normale professione come sistemista informatico in una banca radicata nel nord Italia. Scrivo su AstronautiNews dal 2010; è il mio modo per continuare a coltivare la mia passione per lo spazio.

3 Risposte

  1. MayuriK ha detto:

    Hanno trovato Venom? XD

  2. Gaetano Barbone ha detto:

    Eccellente scoperta. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.