Rinviato al 6 agosto il lancio di Ariane 5 ECA – Intelsat 39 & ERDS-C/HYLAS 3

Il satellite per telecomunicazioni EDRS-C viene sottoposto a dei test nella camera anecoica del Compact Antenna Test Range (CATR) di Airbus a Ottobrunn. (C) ESA - S. Corvaja..

Nonostante il fallimento del razzo Vega dello scorso 11 luglio, Arianespace aveva comunicato che i preparativi per il lancio dell’Ariane 5, previsto per il 24 luglio, sarebbero continuati. Tuttavia, nel corso delle indagini sull’incidente, la commissione, formata da responsabili di ESA, Arianespace e Avio, ha deciso di ritardare il lancio del potente vettore europeo per avere il tempo di effettuare una revisione di alcuni componenti che esso ha in comune con Vega.

È di lunedì 29 luglio l’informativa diramata da Arianespace secondo la quale il terzo lancio dell’Ariane 5 di quest’anno è stato pianificato per martedì 6 agosto 2019 a un’ora prevista fra le 21:30 e le 23:51 italiane (fra le 16:30 e le 18:51 della Guiana Francese).

Il payload, ricordiamo, è composto dai satelliti per le comunicazioni Intelsat 39, di Intelsat e dal satellite EDRS-C, realizzato congiuntamente dall’agenzia spaziale europea e da Airbus.

Il volo VA249 partirà dall’Ariane Launch Complex № 3 (ELA3) di Kourou, nella Guiana Francese. Per il 2 agosto è prevista la Launch Readiness Review (LRR) e in essa verrà presa la decisione definitiva sull’inizio delle operazioni finali di countdown.

Intelsat 39

Intelsat 39 sarà il 61º satellite lanciato da Arianespace per il cliente Intelsat a partire dal 1983; andrà a sostituire Intelsat 902 lanciato sempre da Arianespace nel 2001, a 62° Est. Il satellite è stato progettato per incontrare le esigenze del networking in banda larga per clienti nel campo televisivo e per clienti governativi di Africa, Asia, Europa, Medio Oriente e per alcune regioni dell’Oceano Indiano. Il fascio direzionabile dei suoi ampi segnali a elevata energia, fornirà ai clienti un’elevata flessibilità di utilizzo.

Intelsat 39 trasmette in banda C e Ku per accrescere la connettività mobile per utilizzatori aerei, marittimi e governativi, operanti nelle su elencate regioni ed è stato costruito da Maxar di Palo Alto, California.

Un’immagine di Intelsat 39 durante i preparativi finali.

EDRS-C

Il satellite EDRS-C è il secondo nodo del network SpaceDataHighway, ovvero del primo network orbitale al mondo in “fibra ottica” che sfrutta appunto l’innovativa tecnologia laser. Esso sarà d’aiuto nel migliorare il monitoraggio ambientale e di sicurezza, le risposte ai disastri e la gestione delle crisi. Verrà lanciato in orbita geostazionaria a 31° Est e sarà in grado di connettere satelliti da osservazione in orbita bassa tramite impulsi laser ad una distanza fino a 45.000 km oltre a comunicare con velivoli UAV (Unmanned Aerial Vehicles) dell’intelligence e con gli aerei militari.

Lo SpaceDataHighway è una collaborazione pubblico-privato fra l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) e Airbus, mentre i terminali laser sono stati sviluppati da Tesat-Spacecom e dall’Aerospace Center dell’agenzia spaziale tedesca DLR. Airbus è il titolare del sistema SpaceDataHighway, inoltre ne gestisce e ne fornisce i servizi alla clientela. La piattaforma del satellite EDRS-C è fornita da OHB System AG.

A bordo di EDRS-C ci sarà spazio anche per due carichi ospiti, ovvero il payload per telecomunicazioni in banda Ka HYLAS 3 del gruppo londinese Avanti Communications Group plc e NGRM, Next Generation Radiation Monitor di ESA, per il monitoraggio delle radiazioni orbitali.

I payload verranno collocati su di un’orbita di trasferimento geostazionario, con un perigeo di 250 km ed un apogeo di 37.786 km e un’inclinazione di 4,5°. La durata nominale della missione di Ariane 5 (dal liftoff alla separazione dei satelliti) è di 33 minuti e 31 secondi. Terminato il lavoro del vettore, Intelsat 39 raggiungerà l’orbita geostazionaria con i suoi propulsori ionici, mentre EDRS-C lo farà con i motori convenzionali di cui è fornito.

I tecnici di Arianespace mentre piazzano la carenatura prottettiva sui payload di Ariane 5. © Arianespace

Fonti: SpaceflightNow.com; Arianespace

  Questo articolo è © 2006-2019 dell'Associazione ISAA - Alcuni diritti riservati.

Discutine con noi su ForumAstronautico.it

Sviluppi e aggiornamenti su questa notizia sono disponibili su ForumAstronautico.it

Luca Frigerio

Impiegato nel campo delle materie plastiche e da sempre appassionato di spazio. E' iscritto a forumastronautico.it dal Novembre 2005 e da diversi anni sfoga parte della sua passione scrivendo per astronautinews.it. E' consigliere dell'Associazione Italiana per l'Astronautica e lo Spazio (ISAA)

2 Risposte

  1. ENRICO SCREPANTI ha detto:

    Grazie per questo notiziario che considero di grande interesse per me poiché mio figlio è a Kourou per il progetto descritto, complimenti per la ricchezza di informazioni. Saluti Enrico Screpanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.