Nasce l’agenzia spaziale portoghese

Portogallo e Spagna riprese dall'ISS. Copyright: NASA

Il Portogallo diventa l’ultimo paese europeo, in ordine di tempo, a istituire la propria agenzia spaziale, con un atto firmato lo scorso 18 marzo durante la cerimonia formale tenutasi a Ponta Delgada, la capitale dell’arcipelago delle Azzorre, dove la nuova agenzia spaziale avrà il proprio quartier generale. Le isole Azzorre, situate a ovest del Portogallo, nell’Oceano Atlantico, saranno la sede di tutte le infrastrutture della neonata agenzia. Qui infatti sorgeranno le antenne per il tracking e il monitoraggio, mentre gli uffici del quartier generale verranno costruiti sull’isola di Santa Maria.

La nuova organizzazione, denominata “Portugal Space” prevede di iniziare a lanciare piccoli satelliti per il 2021.

Manuel Heitor, ministro portoghese della scienza, della tecnologia e dell’educazione, ha spiegato nel report intitolato “Portugal Space 2030” che la particolare posizione geografica delle Isole Azzorre rende l’arcipelago adatto all’installazione di infrastrutture per il lancio di satelliti.

In particolare, l’isola di S. Maria offre, in virtù della sua posizione geografica vicino all’Europa continentale e a una buona distanza dal continente americano, una copertura oceanica con un raggio di 1.500 km in ogni direzione. Inoltre, essa ospita la stazione di tracking in banda S dell’ESA di Montes das Flores, che è dotata di un’antenna di 5,5 metri che serve a seguire le telemetrie dei lanci effettuati dallo spazioporto europeo di Kourou nella Guiana Francese, fungendo anche da collegamento fra i veicoli spaziali e le sale controllo al suolo. La stazione di Montes das Flores fa parte del network di 10 stazioni dell’European Space Tracking (Estrack).

L’ing. Chiara Manfletti, a sinistra con il direttore generale dell’ESA
Jan Wörner, nella conferenza stampa dell’ESA durante l’IAC 2018.
Copyright ESA – Philippe Sebirot

Se da un lato il Portogallo non aveva mai avuto, finora, un’agenzia spaziale vera e propria, dall’altro l’agenzia governativa Foundation for Science and Technology (FCT), per il finanziamento della ricerca scientifica, ha un suo programma spaziale fin dal 2009. Il Portogallo, inoltre, è membro dell’ESA dal 2000, dunque con la creazione di Portugal Space, FCT continuerà a lavorare con ESA mentre collaborerà con il National Innovation Agency e altre istituzioni di ricerca di tutto il mondo. Secondo il Portugal Space 2030 Report, la collaborazione internazionale e il partenariato con il settore commerciale saranno le chiavi per il successo dell’agenzia.

Space Portugal intende anche essere attiva nel mercato dei vettori, costruendo un nuovo razzo eco-sostenibile che verrà lanciato appunto dalle nuove strutture che verranno costruite nell’arcipelago. L’agenzia sta anche considerando di concedere l’utilizzo del proprio spazioporto a compagnie private come Virgin Galactic e Sierra Nevada, per i lanci legati ai loro programmi di turismo spaziale.

Lo scorso 22 marzo, nel corso della prima assemblea generale dell’agenzia, l’ing. Chiara Manfletti è stata nominata prima presidente di Portugal Space. L’ingegnera Chiara Manfletti ha la doppia nazionalità tedesca ed italiana, ha ottenuto una laurea in ingegneria aeronautica dall’Imperial College di Londra nel 2001, un Master in Studi Spaziali dall’International Space University di Strasburgo nel 2012, e un dottorato di ricerca dall’Università tedesca di Aquisgrana nel 2009. Possiede anche una laurea in storia, ricevuta dalla Open University del Regno Unito nel 2003. Dal 2016 è consigliere del direttore generale dell’ESA presso la sede di Parigi.

A sottolineare le ambizioni della neonata agenzia portoghese va evidenziato il fatto che, delle oltre 70 nazioni che hanno istituito una propria agenzia spaziale governativa, solo 14 di esse sono state in grado di costruire e lanciare razzi.

La firma sull’atto di nascita di Portugal Space. Copyright: Portugal Space

Fonti : Space.com; Portugal Space; FCT;

  Questo articolo è © 2006-2019 dell'Associazione ISAA - Alcuni diritti riservati.

Discutine con noi su ForumAstronautico.it

Sviluppi e aggiornamenti su questa notizia sono disponibili su ForumAstronautico.it

Luca Frigerio

Impiegato nel campo delle materie plastiche e da sempre appassionato di spazio. E' iscritto a forumastronautico.it dal Novembre 2005 e da diversi anni sfoga parte della sua passione scrivendo per astronautinews.it. E' consigliere dell'Associazione Italiana per l'Astronautica e lo Spazio (ISAA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.