Aumenta il budget NASA per l’anno in corso

Dopo 7 mesi dall’inizio dell’anno fiscale 2017 ed a 5 mesi dal termine, il budget NASA è stato leggermente ritoccato verso l’alto arrivando a $19,6 miliardi, ben $600 milioni in più rispetto a quanto stabilito precedentemente.

Una breve lista dei maggiori programmi:

  • 4,3 miliardi per SLS, Orion e programmi annessi, di cui 2,5 per il vettore, 1,35 per la capsula e 300 milioni per lo sviluppo dell’Explorarion Upper Stage.
  • 1,18 miliardi per il Commercial Crew Program.
  • 4,95 miliardi per le attuali operazioni spaziali, tra cui la ISS.
  • 5,76 miliardi per i programmi scientifici
  • 1,9 miliardi per l’osservazione, monitoraggio e studio della Terra.
  • 275 milioni per la Europa Mission
  • 686,5 milioni per i programmi tecnologici
  • 100 milioni per i programmi educativi
  • 660 milioni per i programmi aeronautici

Il Congresso ha leggermente incrementato gli investimenti per l’SLS/Orion, i programmi scientifici e quelli aeronautici, mentre ha leggermente diminuito il budget per la ISS. E’ stata inoltre rigettata la proposta del presidente Trump di eliminare i programmi educativi.

Nel budget sono compresi anche 109 milioni per affrontare le riparazioni in seguito agli eventi atmosferici che hanno coinvolto alcune strutture NASA nel 2016.

Rimane ben in vista il divieto per la NASA di intraprendere attività bilaterali con la Cina senza l’autorizzazione del Congresso.

La parola ora passa all’amministrazione Trump per la presentazione del budget per l’anno fiscale 2018, di cui nei mesi scorsi era stata resa pubblica una bozza, dopodichè ricomincerà la consueta discussione in Senato ed alla Camera.

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=26544.0

Simone Montrasio

Appassionato di astronautica fin da bambino, gli studi ed il lavoro mi hanno tenuto occupato nel settore chimico industriale fino al 2011 quando ho deciso di cambiare completamente vita e dedicarmi alla campagna. Collaboro felicemente con AstronautiNEWS dalla sua fondazione con una pausa sabbatica tra il 2011 ed il 2013.

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.