SpaceX si aggiudica un nuovo lancio per l’USAF

Credit, Lockheed Martin

Per la seconda volta in meno di due anni la compagnia di Elon Musk si è aggiudicata il contratto per il lancio di un satellite GPS III per conto dell’USAF, confermando quindi la propria competitività anche sul mercato dei lanci governativi militari classificati per la sicurezza nazionale.

Il contratto di $96,5 milioni, stipulato con la Space and Missile Systems Center della Los Angeles Air Force Base, prevede la produzione del lanciatore Falcon 9, le operazioni di integrazione del satellite, la preparazione finale, tutte le attività correlate ed infine il lancio in orbita alta (circa 20.000 km) inclinata di 55° sull’equatore.

Costruito da Lockheed Martin, il satellite GPS IIIA-3 (terzo esemplare della terza serie), non sarà esclusivamente militare ed avrà comunemente a bordo il trasmettitore L1C compatibile con il sistema di posizionamento globale europeo Galileo.
Il primo di questa nuova serie di satelliti, il GPSIIIA-1, verrà lanciato nella primavera 2018 a bordo dell’ultimo Delta IV di ULA, seguito dal secondo a bordo di un F9 ed il terzo verso la fine di aprile del 2019.

Il Dipartimento della Difesa statunitense ha inoltre comunicato che, a differenza del bando per il satellite GPS IIIA-2 dell’aprile 2016 in cui si presentò la sola SpaceX, questa volta anche un’altra compagnia ha presentato la propria offerta.
Naturalmente, anche se non è stato fatto nessun nome, l’unica altra compagnia certificata per questa classe di lanci è la United Launch Alliance (ULA) joint venture tra Boeing e Lockheed Martin ed ex fornitore unico per i lanci USAF, prima dell’ingresso di SpaceX.

Fonte: DOD

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=26439.0

Simone Montrasio

Appassionato di astronautica fin da bambino, gli studi ed il lavoro mi hanno tenuto occupato nel settore chimico industriale fino al 2011 quando ho deciso di cambiare completamente vita e dedicarmi alla campagna. Collaboro felicemente con AstronautiNEWS dalla sua fondazione con una pausa sabbatica tra il 2011 ed il 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.