Partita la missione Dragon CRS-10 di SpaceX dallo storico pad 39A

Lancio di Dragon CRS-10 dal pad 39A del KSC. Credit: SpaceX

Alle 15:39 ora italiana di oggi, 19 febbraio, è avvenuto con successo il lancio di un Falcon 9 dalla storica rampa di lancio 39A del Kennedy Space Center, in Florida. Il payload era una capsula Dragon di SpaceX per la missione CRS-10 diretta verso la stazione spaziale internazionale. Il primo stadio del Falcon 9 è poi atterrato con successo presso la piazzola di atterraggio LZ-1 nella vicina base USAF di Cape Canaveral.

Un lancio storico

Il lancio di oggi ha anche una valenza storica in quanto è il primo della compagnia di Elon Musk ad essere effettuato dalla rampa di lancio 39A del Kennedy Space Center. SpaceX ha in concessione la rampa di lancio dal 2014, ma tra lavori e distrazioni con altre missioni e priorità, fino ad ora non era ancora riuscita a lanciare da qui. I lavori sono accelerati recentemente grazie al fatto che la rampa di lancio 40 dell’adiacente base di Cape Canaveral è stata danneggiata pesantemente durante l’esplosione del Falcon 9 avvenuta lo scorso settembre e verrà probabilmente ripristinata solo quest’estate.

Oltre ai due pad in Florida, SpaceX ha in concessione un’altra rampa di lancio in California, la 4E presso la base di Vandenberg, dalla quale lancia payload che hanno bisogno di orbite altamente inclinate o polari. L’azienda californiana è anche proprietaria di una rampa di lancio presso l’isola di Omelek, parte dell’atollo Kwajalein nelle Isole Marshall (oceano Pacifico), la quale è però stata utilizzata per lanciare i Falcon 1, mentre non è stata riadattata per il lancio del Falcon 9. Un ulteriore rampa di lancio è in costruzione da parte di SpaceX presso il sito di Boca Chica, in Texas, ma non sarà pronta prima del 2018-2019.

La rampa 39A è stata riadattata per poter lanciare sia il Falcon 9 sia il Falcon Heavy, che dovrebbe debuttare entro quest’anno. Ancora non sono state rimosse tutte le strutture precedenti, costruite per ospitare i lanci dello Space Shuttle.

Il pad 39A del KSC

La rampa 39A ha infatti una storia gloriosa. Insieme al resto del Kennedy Space Center fu costruita per il programma lunare Apollo. Il primo lancio fu quello dell’Apollo 4 nel 1967, il primo test (senza equipaggio) del Saturn V. Con l’eccezione di Apollo 10, lanciata dal vicino pad 39B, tutte le missioni lunari Apollo con equipaggio furono lanciate da qui. Nel 1973 la rampa vide l’ultimo lancio del Saturn V che mise in orbita lo Skylab.

Negli anni ’70 del secolo scorso il pad fu riadattato per ospitare i lanci dello Shuttle. Da qui partirono tutti i primi voli di Columbia, Challenger, Discovery e Atlantis. Il 39A ha visto anche l’ultima missione di uno Shuttle, il lancio di Atlantis per STS-135 nel luglio del 2011. Da allora la rampa di lancio non era stata più utilizzata.

L’atterraggio del primo stadio

L’altro evento importante della giornata è stato l’atterraggio riuscito del primo stadio del Falcon 9 presso la Landing Zone 1 di Cape Canaveral. Ormai non si può più definire un evento storico, in quanto SpaceX sembra aver perfezionato la tecnica da un po’, ma vedere un enorme stadio di un lanciatore atterrare con precisione dopo aver contribuito a mettere in orbita un payload è sempre un grande spettacolo.

Con quello odierno, fanno tre atterraggi su tre tentativi sulla terra ferma per SpaceX. L’azienda di Elon Musk è anche riuscita a recuperare 5 primi stadi su 10 nei tentativi di atterraggio sulle chiatte drone posizionate sull’Atlantico o il Pacifico, a seconda della rampa di lancio. I 5 successi sono comunque avvenuti negli ultimi 6 tentativi. Nonostante sia relativamente più facile l’atterraggio sulla terra ferma, purtroppo non sempre il propellente rimasto dopo aver accelerato il carico pagante è sufficiente per permettere al primo stadio di tornare al sito di lancio.

La missione Dragon CRS-10

Il Falcon 9 odierno ha immesso in orbita la capsula Dragon destinata alla missione sulla ISS CRS-10. Subito dopo l’immissione in orbita da parte del secondo stadio, è stata confermata l’apertura dei pannelli solari della capsula.

Il lancio era stato inizialmente programmato per il 18 febbraio, ma un problema al sistema di orientamento dei motori del secondo stadio aveva provocato l’interruzione del conto alla rovescia a soli 13 secondi dal lancio, con conseguente spostamento del volo ad oggi.

Questa missione porterà un carico di 1530 kg nella parte pressurizzata della Dragon, che comprende rifornimenti per l’equipaggio della ISS, esperimenti scientifici e attrezzature varie. Nel vano non pressurizzato sono invece presenti 960 kg di carico, che comprende l’esperimento SAGE-III (Stratospheric Aerosol and Gas Esperiment-III), strumento di osservazione della Terra che verrà montato su una delle piattaforme ExPRESS Logistic Carrier della ISS, e STP-H5, un payload del Dipartimento della Difesa americano.

L’arrivo sulla stazione spaziale è previsto per mercoledì 22 febbraio. L’aggancio avverrà tramite il braccio robotico della ISS sul portello nadir del nodo-2 Harmony.

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=26315.0

Matteo Carpentieri

Appassionato di astronomia e spazio, laureato in una più terrestre Ingegneria Ambientale. Lavora come lecturer (ricercatore) all'Università del Surrey, in Inghilterra. Scrive su AstronautiNews.it dal 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.